Un'altra giovinezza

Youth Without Youth

USA - 2007
Alle soglie della II Guerra Mondiale, il professore rumeno Dominic Matei, dopo essere stato colpito da un fulmine, gode di un bizzarro evento che gli cambia la vita ma lo costringe a fuggire dal suo Paese. Vagherà attraverso la Romania e la Svizzera, ritrovando la donna amata con la quale si spingerà all'isola di Malta e perfino in India alla ricerca delle origini del linguaggio, perdute nella notte dei tempi, ma anche del senso della vita, dell'amore e della morte.

CAST

NOTE

- PRESENTATO ALLA II^ EDIZIONE DI 'CINEMA. FESTA INTERNAZIONALE DI ROMA' (2007) NELLA SEZIONE 'PREMIÈRE'.

CRITICA

"Erano dieci anni che Coppola non dirigeva un film e dai tempi di 'Tucker' che non firmava un lavoro davvero originale. Con 'Un'altra giovinezza' torna il regista geniale e sorprendente che avevamo imparato ad amare. E lo fa con un film azzardato e insolito, lontano da ogni buona regola hollywoodiana. A stimolare il sessantanovenne regista è stato il romanzo di Mircea Eliade che porta lo stesso titolo del film, dove un vecchio professore di storia dei linguaggi recupera misteriosamente la giovinezza dopo essere stato colpito da un fulmine nella Budapest del 1938. Il mito della rinascita ha attraversato la letteratura di mezzo mondo e le fantasie del mondo intero, ma Coppola non si ferma al sogno dell'eterna giovinezza e intreccia il misterioso caso di Dominic Matei (Tim Roth) con i temi della conoscenza, dell'onnipotenza della scienza, del peso della Storia, della forza dell'Amore. Secondo una lettura che manda a gambe all'aria molte delle convenzioni narrative più comuni, come a dimostrare (a se stesso prima che al pubblico) la capacità di reinventare la macchina cinema e la possibilità di creare forme e mondi poetici nuovi. Per farlo Coppola dimentica molte delle regole più in voga: complica invece di semplificare, intreccia stili diversi, non si preoccupa di sembrare semplicistico (l'idea che i sogni sono il mondo a gambe all'aria) e di rischiare la banalità (la forza poetica di una rosa), sceglie la metafora come chiave di lettura e costringe lo spettatore a cancellare molti pregiudizi: in cambio gli offre la possibilità di farsi travolgere da un film a tratti impervio, a tratti contorto, ma attraversato da una passione e una forza uniche." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 21 ottobre 2007)

"Il risultato è il film di un grande maestro che sembra davvero, qua e là, un'opera prima. Per pregi e difetti. Partiamo da questi ultimi. 'Un'altra giovinezza' è ambizioso, sentenzioso e scombinato. Sembra il film di un esordiente che deve dimostrare quanto è bravo mettendo sullo schermo tutto se stesso. (...) Certo, nella prima parte 'Un'altra giovinezza' è un film visivamente straordinario, e a tratti è una dura riflessione sull'egoismo degli intellettuali. Film bizzarro, discontinuo, costruito in totale libertà: diversissimo da qualunque film americano coevo. Del resto Coppola aveva detto: 'Hollywood fa solo remake, non mi interessa più'. Come dargli torto?" (Dario Zonta, 'L'Unità', 21 ottobre 2007)

"'Un'altra giovinezza': dieci anni dopo l'ultima sortita con 'L'uomo della pioggia', Francis F. Coppola non solo affronta un romanzo démodé, ma augura a se stesso e a noi fervidi ammiratori una nuova fase della sua monumentale carriera. (...) 'Un'altra giovinezza', sempre in equilibrio sottile e fascinoso tra lo sviluppo romanzesco e quello metafisico, scivola, però, a poco a poco in un'azzardata spirale che chiama in causa il senso umano/occidentale del tempo e la criptica evoluzione della glottologia. Per fortuna, l'inglese Tim Roth si conferma attore fuoriserie, uno dei pochissimi che avrebbero potuto conferire nerbo alla fuga di Dominic dal proprio doppio, in un drammatico vagabondaggio dalla Svizzera all'India e dall'isola di Malta fino al ritorno nel paese natale del 1969. Quello che spiazza e un po' delude è, in effetti, la disinvoltura - ai limiti del naif - con la quale Coppola mischia realtà e immaginazione, thriller filosofico e straziante nostalgia d'amore: i fatti si susseguono, così, ai prodigi e l'ostentata tensione della ricerca al pedante intervento degli accademici senza che lo spettatore possa appieno riconoscersi in una propria, definitiva intonazione. (...) Solo nel capitolo finale, che vede Dominic rientrare nel proprio tempo, il film si libera delle sue incertezze e cerca di affermare un criterio positivo e universale sul concetto di bene e male, sulla coscienza come ponte tra umano e divino e sulla legittimità dei mezzi rispetto ai fini. Estroso, divagante, inclassificabile film, questo che appare, effettivamente, un saggio per immagini: forse destinato, come accadde per 'Un sogno lungo un giorno', ad ignorare la graduatoria degli incassi per garantirsi una nicchia nel pantheon dell'autore di 'Apocalypse Now'." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 21 ottobre 2007)

"Un corso accelerato, anzi acceleratissimo di filosofia orientale. Una rivisitazione appassionata ma ingenua del mito di Faust. Una passeggiata filosofica che mescola con disinvoltura le 'Upanishad' e 'Il ritratto di Dorian Gray', il mito del Superuomo e l'eterno ritorno. Uno zibaldone di echi e ricordi che evoca qua 'Orizzonte perduto' là 'Il terzo uomo', con svelti omaggi al primo Frankenstein (la macchina usata dai nazisti è uguale a quella dello scienziato nel film di Whale, 1931) e al Welles di 'Quinto potere'. A meno che le rose che si materializzano nelle mani di Tim Roth non vengano dal romanzo di Mircea Eliade 'Un'altra giovinezza'. Speravamo che rompendo un lungo silenzio il regista più imprevedibile della sua generazione fosse tornato alla vena libera e sperimentale di film come 'Tucker', 'Un sogno lungo un giorno' o 'Rusty il selvaggio'. Ma purtroppo 'Youth Without Youth' aggiunge poco a quanto detto assai meglio in 'Dracula', l'ultimo grande film di Coppola, già centrato sulla vecchiaia e sul vampirismo che mina e cementa ogni rapporto amoroso; o in 'Peggy Sue si è sposata', dove il viaggio nel tempo era insieme più pop e più convincente di questo laborioso zigzagare fra epoche e paesi. (...) La grandezza si vede anche negli errori, e Coppola è un grande regista. Ma 'Youth Without Youth' non è un grande film." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 21 ottobre 2007)

"Più che i 'fatti' contano le 'illuminazioni' che Eliade consegnò ai suoi scritti e che Coppola, lontanissimo dalle atmosfere alla New Age, molto rispetta. Pochi elementi gli sono chiari e vi aderisce con partecipazione: il ritorno al passato, l'amore che non si attenua con il tempo, la continuità biologica tra ieri e oggi. Sono temi complicati e non si sa quanto sentiti dallo spettatore d'oggi, tuttavia Coppola è riuscito a dare parvenza di verosimiglianza a una vicenda che non indugia nel mistero o nell'inverosimile. E anche per questo il suo è un gradito ritorno." (Francesco Bolzoni, 'Avvenire', 21 ottobre 2007)

"Coppola, reinterpretando Elide, ha dato per verso molto spazio, con momenti intensi, alla storia d'amore, accompagnandola, per un altro, a riferimenti filosofici, occasioni simboliche affidando poi all'insieme, con un linguaggio piano semplificato nelle tecniche (non ci sono movimenti di macchina), ad atmosfere quasi rarefate. Fra ideologie e dramma Tim Roth, gli si adegua: nella realtà e nel sogno. Con incubi." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 21 ottobre 2007)

"Coppola affronta temi che potrebbero comparire in altri dieci film come l'eterna giovinezza, la doppia personalità, ma anche l'amore impossibile, il tutto mescolato con temi che sfiorano la metafisica, il simbolismo e le scienze tradizionali. Ma spesso la noia incombe, non solo per lo spettatore medio. Anche alla fine della proiezione per la stampa molte facce erano perplesse e quando qualcuno ha accennato al classico applauso finale, la platea lo ha seguito tiepidamente. E se anche i critici nicchiano e sono perplessi, chissà chi lo andrà a vedere pagando il biglietto cosa ne penserà di questo film che rischia di essere un "polpettone" d'autore. Al botteghino l'ardua sentenza." (Giampiero De Chiara, 'Libero', 21 ottobre 2007)

"Ai tempi del Padrino, chi avrebbe detto che Francis Ford Coppola avrebbe scritto, prodotto e diretto 'Un'altra giovinezza', tratto dal libro (Rizzoli) di Mircea Eliade (1907-1986)? (...) Purtroppo Coppola vi messo del suo per movimentar la vicenda di un vecchio che ringiovanisce, mercé un fulmine. E ha gonfiato la presenza nazista, quando nel libro vi si accenna solo. Forse Coppola l'ha fatto per neutralizzare un'accusa d'implicito antiebraismo, che poteva colpirlo per aver raccontato con simpatia Eliade. Ed è in questa preoccupazione che forse rientra anche la scelta di Tim Roth, ebreo d'origine. Salvo gettargli fra le braccia Veronica Bühler, anche lei, come lui, colpita da un fulmine: svizzera nel libro, è interpretata dalla romena di Germania Alexandra Maria Lara, già segretaria di Hitler nella 'Caduta' di Oliver Hirschbiegel. Tout se tient. Dopo i problemi politici, c'erano quelli di messa in scena: Matei/Eliade si sdoppia fra una parte razionale e una sentimentale:
sulla pagina ciò funziona; sullo schermo no. E poi ci si chiede perché il giornalista americano (Matt Damon), che nel libro incontra Matei/Eliade nel dopoguerra, nel film lo incontri a Campione nel 1942, quando gli Usa erano in guerra con l'Italia! Damon appare un minuto, poi scompare. Senza fulmini." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 21 ottobre 2007)

"Un intreccio barocco, a metà fra thriller e romanzo d'appendice, pieno di implausibili colpi di scena, in realtà solo un elaborato canovaccio per l'esplicazione, in immagini, di grandi meccanismi filosofici. Coppola cerca risposte alla vita e alla morte, al sapere e all'ignoranza, alle origini e alla fine. Gioca con le religioni e i loro simboli, fisicizza gli specchi di Dorian Gray, materializza il dualismo yin e yang, le teorie del doppio, l'incontro tra consapevolezza e incoscienza. Succede che il regista si perda nel cammino, ma la strada intrapresa è illuminata di intuizioni e percezioni. E soprattutto, dal punto di vista strettamente cinematografico, con il rigore di una macchina fissa, Coppola regala al cinema magiche visioni dei concetti di tempo e coscienza. E interpretazioni da Oscar di entrambi i protagonisti, Tim Roth e Alexandra Maria Lara. 'Youth Without Youth' più che un capolavoro è una ricerca. La dimostrazione tangibile del genio di Coppola e della sua volontà di non fermarsi. Continuare a porsi domande e lasciare che siano il cinema e i suoi strumenti a tentare di rispondere. Che altro chiedere ad un regista?" (Roberta Ronconi, 'Liberazione', 26 ottobre 2007)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy