Tutti intorno a Linda

ITALIA - 2008
1/5
Tutti intorno a Linda
La trentenne Linda ha tanti amici, un ex fidanzato e sogna di fare l'attrice. Quando le viene diagnosticata un infiammazione all'endometrio, Linda si rende conto che l'unica via per guarire senza ricorrere ad interventi chirurgici è rimanere incinta, ma senza un compagno fisso come farà?
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM
  • Produzione: LUCIANO MARTINO PER DANIA FILM
  • Distribuzione: DANIA FILM (2009)
  • Data uscita 3 Luglio 2009

TRAILER

RECENSIONE

di Federico Pontiggia

Opera prima delle giovani registe Barbara e Monica Sgambellone, è Tutti intorno a Linda, “commedia brillante e veloce, ricca di equivoci”, come recita il pressbook. Pur con tutto l’affetto e la simpatia che un esordio merita, ancor più nello stitico panorama italiano, il film che si vede è un altro, e non è bello.
Protagonista è Linda (Maria Victoria di Pace), attrice pubblicitaria – come le registe – che a Torino è rosa dal dubbio: operarsi di endometriosi o bypassare la malattia con una gravidanza da pianificare nel giro di un annetto? Ovviamente, il Tutto intorno è ricco di pretendenti vari ed eventuali, un anziano professore bibliofilo e due inquilini: una biondina sfortunata in amore e il gay d’ordinanza.
Costruito su ritmi e inclinazioni già obsolete negli anni ’80 nostrani, frequentato dall’indifferenza per il qui e ora sociale – belle case, bei vestiti, tutti moderatamente alternativi, nessun problema ad arrivare a fine mese – che è “vanto” di tanto nostro cinema, Tutti intorno a Linda è inutile quanto innocuo, ma non privo di consapevolezza: “Più si ha paura che le cose accadano e più accadranno”, recita l’ultima frase. E vale per i 90 minuti precedenti.

NOTE

- FILM REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON IL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI - DIREZIONE GENERALE CINEMA. HA OTTENUTO IL PATROCINIO DELLA CITTÀ DI TORINO IN COLLABORAZIONE CON LA FILM COMMISSION TORINO PIEMONTE.

CRITICA

"Bohème letteraria/artistica a Torino. Tutto gira (come da titolo) intorno a Linda, trentenne che sogna di fare l'attrice e divide un appartamento con un poeta e un libraio. Film molto femminile, dirigono Barbara e Monica Sgambellone." (AL. C., 'L'Unità', 3 luglio 2009)

"In 'Tutti intorno a Linda' abbiamo alla regia le sorelle Sgambellone e sullo schermo fratello e sorella, Maria Vitoria e Juan Pablo Di Pace. Tecnicamente l'esito conforta, ma sconforta il personaggio principale, un'attricetta trentenne che ha la fobia degli ospedali e preferisce al ricovero una gravidanza di ripiego, per il quale considera il miglior candidato... Al cinema occorrono storie di personaggi insoliti; occorrono meno storie di personaggi unici, circondati da casi umani. Con un miglior soggetto le Sgambellone ci riprovino e puntino di più su Francesca Faiella." (MC, "Il Giornale", 3 luglio 2009)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy