Tutta la vita in 24 ore

ITALIA - 1943
Giulio ha un diverbio con un amico e nella colluttazione parte un colpo di rivoltella. Credendo di averlo ucciso, il giovane fugge e lascia la città. Durante il viaggio in treno e in corriera, Giulio è convinto di essere pedinato da un commissario di polizia e, quando i suoi nervi non resistono più, decide di raccontargli l'accaduto e di costituirsi. In realtà, il commissario si stava recando in vacanza, ma di fronte alla confessione di Giulio è costretto a compiere il suo dovere e ad accompagnarlo al vicino comando dei carabinieri. Strada facendo, i due si fermano in una casa dove c'è un bimbo gravemente malato che Giuli scopre con sorpresa essere il frutto della sua relazione con una ragazza che poi abbandonò. Il commissario, toccato dall'abnegazione della donna, si adopera con ogni mezzo per regolarizzare la loro unione. Celebrato il matrimonio, seppur con rincrescimento il commissario deve dar corso alla giustizia ma una buona notizia cambia per sempre il destino di Giulio.

CAST

CRITICA

"Non diremo di trovarci dinanzi a un capolavoro, né che il carattere del protagonista sia nuovo di zecca (...) né che vi manchi qualche reminiscenza (...) tuttavia la narrazione scorre, ha del cuore, è impostata su un ritmo movimentato e ben sorretto, è ravvivata da una macchietta nuova e sorvegliata, è allietata da ottimi esterni, è conclusa con sentita umanità". (Mario Meneghini, 'L'Osservatore Romano', 5 marzo 1944)

"La pellicola, pur non avendo essessive pretese scorre via fluidamente e riesce a tener desta l'attenzione. Lodevole l'impegno dell'interpretazione". ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 18, 1943)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy