Tu, io e Dupree

You, Me and Dupree

USA - 2006
Tu, io e Dupree
Carl e Molly Petersen, sposati da poco, stanno assaporando il piacere della nuova vita insieme. Tuttavia, la tranquilla routine viene interrotta dall'arrivo di Dupree, il miglior amico di Carl che, rimasto senza lavoro e senza un posto dove stare, accetta l'invito di Carl a sistemarsi temporaneamente con lui e sua moglie. Ben presto però, Carl si rende conto che la presenza dell'amico è un po' troppo ingombrante e decide che è tempo per Dupree di levare le tende...
  • Durata: 108'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: OWEN WILSON, MARY PARENT E SCOTT STUBER PER UNIVERSAL PICTURES
  • Distribuzione: UIP
  • Data uscita 10 Novembre 2006

CRITICA

"Anche se 'Tu, Io e Dupree' tira fuori il solito moralismo politically correct che sembra aver infettato tutte le commedie americane (Spirito di Billy WIlder, se ci sei batti un colpo...) non si può dire che l'immagine della famiglia che rispecchia sia precisamente edificante. (...) Magari Owen Wilson ci aveva viziati, portandoci a considerarlo uno dei migliori rappresentanti dell'ultima leva della commedia d'Oltreatlantico. Non si capisce, però, come abbia potuto dare fiducia (ne è anche produttore) a questo filmino povero di idee, concepito come una sequenza di sketch e di gag cucite assieme, tirate all'estremo ma scarse di inventiva. Il difetto principale, però, consiste nella mancanza di evoluzione dei caratteri. A parte Dupree, gli altri personaggi restano unidimensionali dall'inizio alla fine; sprecando le potenzialità di un cast assortito con una certa dovizia." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 10 novembre 2006)

"Dopo tanti film indipendent, l'ex Bukowski Dillon (inizia a somigliare a Jack Palance) debutta nella family comedy con ruoli stereotipati: le donne sono tutte virago sentimentali, i giovani mariti van matti per il football e il disordine, strane coppie. Infatti il film di Anthony e Joe Russo è fotocopia di molti altri, vanta solo una simpatica complicità degli attori." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 11 novembre 2006)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy