TRE PISTOLE CONTRO CESARE

ITALIA - 1967
TRE PISTOLE CONTRO CESARE
L'americano Whitty, il francese Etienne ed il giapponese Lester, ricevono contemporaneamente e nel più misterioso dei modi, la mappa di una miniera d'oro e la fotografia di una bambina. Giunti contemporaneamente alla miniera, avendo il sospetto che ciascuno degli altri sia un intruso, i tre scoprono di essere figli dello stesso padre, il defunto Langdon, proprietario della miniera e del territorio circostante, passati adesso in possesso di uno stravagante megalomane che vive come un imperatore romano e che si fa chiamare Giulio Cesare Fuller. Riconosciuta in Mady, una cantante del Saloon, la loro sorella, i tre giovani seguendo i suoi consigli affrontano gli uomini di Fuller liberando il territorio dall'incubo della loro ferocia e prepotenza; quindi assaltano il munito castello del satrapo. Whitty, che s'avvia per primo, viene catturato e torturato; ma quando sul posto giungono anche i fratelli che lo liberano, insieme riusciranno a far fuori Fuller ed a far crollare il suo nefasto impero. Tornati in possesso della miniera, i tre fratelli non riescono però a trovare nessuna traccia dell'oro; e solo quando i giovanotti si mettono in viaggio portando via, come unico ricordo del padre, un vecchio letto d'ottone, scopriranno con gioia che l'ottone è in realtà autentico oro massiccio.
  • Durata: 87'
  • Colore: C
  • Genere: WESTERN
  • Specifiche tecniche: TECHNISCOPE TECHNICOLOR
  • Produzione: DINO DE LAURENTIIS CINEMATOGRAFICA (ROMA) CASBAH FILM (ALGERI)
  • Distribuzione: DE LAURENTIIS/DEAR FILM - DOMOVIDEO

NOTE

TITOLO ANNUNCIATO "TRE RAGAZZI D'ORO". TITOLO DELLA RIEDIZIONE (1968, DISTRIBUITO DALLA MEDUSA) "TRE PISTOLE PER UN MASSACRO"

CRITICA

"Tre pistole contro Cesare", di Enzo Peri, è un western di nuovo genere, o meglio è un western all'italiana risolto in chiave drammatico-grottesca, con l'inserimento di qualche novità scenografica. [...] Il film, abbastanza divertente, è interpretato da Enrico Maria Salerno nel ruolo del singolare prepotente [...]. (Vice, "Il Resto del carlino", 20/7/1967).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy