TRAPPOLA D'AMORE

INTERSECTION

USA - 1994
TRAPPOLA D'AMORE
Vincent Eastman, architetto di successo, sposato con Sally, figlia del titolare del grande studio di architettura per cui lavora, ha una figlia sedicenne, Meaghan. Ma il rapporto con la moglie; una fredda calcolatrice che pone la carriera e le pubbliche relazioni al di sopra di tutto, anche dei sentimenti più intimi, si deteriora. Il suo bisogno di calore e di passione si materializza in Olivia Marshak, giornalista spiritosa e passionale, incontrata ad un'asta dove lui le ha conteso con successo un prezioso orologio, che poi le regalerà e sembrerà segnare, con le sue sfere mobili, l'inesorabile scorrere del tempo. Tuttavia, nonostante Vincent voglia costruire una casa per l'amante, è legato ancora a Sally, e lo dimostra ingelosendosi quando la figlia gli parla di Richard Quarry, il nuovo spasimante della madre. All'inaugurazione di un museo etnografico Vincent incontra Richard, ma la sua irritazione aumenta quando arriva a sorpresa Olivia ubriaca, e nonostante l'incontro tra le due donne sia cordiale, Vincent riaccompagna l'amante annunciandole che il loro rapporto è finito. Passata una notte in automobile sotto la pioggia, le scrive una lettera d'addio. Ma al mattino, la vista di una bimba coi capelli del colore di Olivia scatena in lui un disperato bisogno della donna: le lascia quindi nella segreteria telefonica un appassionato messaggio d'amore. Nel tentativo di raggiungerla Vincent ha un pauroso incidente: ricoverato in ospedale, muore durante l'operazione chirurgica. A Sally viene consegnata la lettera indirizzata ad Olivia, la quale, venuta a conoscenza dell'incidente, è giunta in ospedale. Qui entrambe le donne, sconvolte, preferiscono tenere per sé il segreto della loro vittoria, inutile o presunta, sulla rivale.
  • Durata: 99'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICO A COLORI
  • Tratto da: LIBERAMENTE ISPIRATO AL LIBRO "LES CHOSES DE LA VIE " DI PAUL GUIMARD
  • Produzione: BUD YORKIN E MARK RYDELL
  • Distribuzione: UIP - CIC VIDEO
  • Vietato 14

NOTE

- REVISIONE MINISTERO APRILE 1994

CRITICA

"Caramelloso e irritante melodramma sentimentale, gonfio di flashback, tagliole per le anime candide e dialoghi da fotoromanzo. A salvarlo non bastano i panorami con vista sull'oceano e gli interni extralusso. Va bene che la gelida Sharon Stone non si spoglia mai, ma probabilmente ben pochi saranno d'accordo con il sempre più grigio, non solo per la chioma argentata, Richard Gere, che la pianta per la meteora Lolita Davidovich." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 20 maggio 2004)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy