Transamerica

USA - 2005
Transamerica
Bree è un transessuale che vive nella periferia di Los Angeles. Fa due lavori e cerca di risparmiare per pagarsi l'ultimo intervento, quello che lo renderà definitivamente donna. Un giorno riceve una telefonata da New York. All'altro capo del filo c'è un giovane delinquente, Toby, alla ricerca del padre mai conosciuto. Bree si rende immediatamente conto di essere la persona cercata dal ragazzo, nato da un rapporto occasionale che lui ha avuto tanti anni prima, quando era un uomo. Ciò nonostante, non vuole prendersi la responsabilità di un figlio. Ne parla con la sua terapeuta, ma questa le impone di cercare il ragazzo altrimenti non le concederà l'autorizzazione all'intervento. Deve guardare in faccia il suo passato prima di affrontare l'operazione decisiva. Così Bree spende i suoi risparmi per prendere il primo aereo per New York e va a tirare fuori di galera suo figlio. Il ragazzo pensa che la strana donna che si trova davanti sia una missionaria cristiana impegnata nel recupero di quanti si sono allontanati dalla via di Gesù. Bree non fa nulla per chiarire l'equivoco, ma si spaventa del fatto che il ragazzo abbia la ferma intenzione di ritrovare il padre. Inizia così il loro viaggio lungo l'America alla volta di los Angeles, alla ricerca di loro stessi e del loro rapporto...
  • Durata: 103'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM, 1:1.85
  • Produzione: LINDA MORAN, RENE BASTIAN, SEBASTIAN DUNGAN PER BELLADONNA PRODUCTIONS LLC
  • Distribuzione: DNC ENTERTAINMENT (2006)
  • Data uscita 10 Febbraio 2006

TRAILER

RECENSIONE

di Federico Pontiggia
Nella produzione cinematografica del 2005 l'inaspettata paternità è stata un tema ricorrente: Tre sepolture, L'enfant, Broken Flowers, solo per citare alcune pellicole. Nell'opera prima di Duncan Tucker, anche sceneggiatore, questo Leitmotiv è installato in un territorio transgender. Stanley (Felicity Huffman) è in attesa dell'operazione chirurgica che segnerà la sua definitiva trasformazione in Sabrina Claire Osborne, ma avrà il placet della sua terapista solo a una condizione: deve incontrare Toby (Kevin Zegers), figlio ignoto di una vecchia relazione eterosessuale ora detenuto a New York. Bree si presenta quale missionaria cristiana: Toby non sa che Sabrina è Stanley, che lui/lei è suo padre/sua madre. I due intraprendono un viaggio on the road da N.Y. a L.A. mossi da differenti intenzioni: l'operazione per Bree, l'ingresso nel cinema porno per Toby. One man/woman show, Transamerica si issa sulla straordinaria metamorfosi della protagonista Felicity Huffman, che ha dovuto guadagnarsi fama sul piccolo schermo quale "casalinga disperata" per ambire a ruoli principali sul grande. È lei a incarnare la qualità fondamentale del film: non considerare il transessuale quale caso umano, secondo derive camp o freak già esplorate in Priscilla - La regina del deserto e Hedwig and the Angry Inch, ma quale persona. Un traguardo raggiunto con una recitazione simpatetica, ispirata da un confessabile desiderio di normalità. Che, all'opposto, la sceneggiatura nega alla famiglia d'origine di Stanley/Sabrina, fotografata in un technicolor caricaturale. Come pure paiono forzati il conservatorismo anti-alcoolico nei confronti di Toby, peraltro ragazzo di strada ritratto senza concessione agli stereotipi, e sovrabbondanti le molestie sessuali del patrigno all'origine della fuga di casa del ragazzo. Debolezze che non inficiano la qualità di un film che con sequenze divertite, scenografie di "confine" e la colonna sonora frizzante di David Mansfield sa – letteralmente - spianare la strada a Bree. Verso l'etero-accettazione.

NOTE

- L'IDEA DI SCRIVERE IL FILM NASCE DA UNA CONVERSAZIONE TRA LO SCRITTORE/REGISTA DUNCAN TUCKER E L'ATTRICE TRANSESSUALE KATHERINE CONNELLA. MENTRE DISCUTEVANO DELLE DIFFERENZE DELLE PERCEZIONI TRA UOMINI E DONNE, CONNELLA SCIOCCO' TUCKER (I DUE AVEVANO DIVISO LA CASA PER QUATTRO MESI), RIVELANDO DI ESSERE BIOLOGICAMENTE ANCORA UN UOMO IN ATTESA DI UN'OPERAZIONE PER CAMBIARE SESSO.

- PRESENTATO IN CONCORSO AL 55MO FESTIVAL DI BERLINO (2005) NELLA SEZIONE 'PANORAMA'. IL FILM HA OTTENUTO IL SIEGESSAULE READER'S PRIZE

- PREMIO ALLA MIGLIORE SCENEGGIATURA AL FESTIVAL DI DEUVILLE - MIGLIOR LUNGOMETRAGGIO AL WOODSTOCK FILM FESTIVAL - FELICITY HUFFMAN MIGLIOR ATTRICE AL TRIBECA FILM FESTIVAL E SECONDO IL NATIONAL BOARD OF REVIEW.

- GOLDEN GLOBE 2006 A FELICITY HUFFMAN COME MIGLIOR ATTRICE DI FILM DRAMMATICO.

- NOMINATION OSCAR 2006 COME MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA A FELICITY HUFFMAN E PER LA MIGLIOR CANZONE.

CRITICA

"Voce bassa, gesti incerti, chioma in rivolta, fondotinta dato con la pala. Nel ruolo del trans imbottito di ormoni che sta per cambiare sesso definitivamente, un'attrice meno straordinaria di Felicity Huffman suonerebbe assurda o patetica. L'ex-casalinga disperata invece è perfetta, un portento di semplicità e umanità, la vera ragione per non perdere 'Transamerica'. Tanto più che esce (miracolo!) anche in originale con sottotitoli. (...) Ma tolti un paio di scivoloni questo road movie terminale esplora con grazia, leggerezza e vera emozione una materia non facile. Facendo del reciproco scoprirsi di questi due dropout anche una calzante metafora di quel mutevole complesso di verità biologiche, codici sociali e finzioni personali che chiamiamo identità. Non è poco, a ben vedere. E la performance della Huffman da sola vale più di qualsiasi Oscar." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 10 febbraio 2006)

"Basta guardare l'epilogo, con la macchina da presa che osserva da una finestra prima di allontanarsi pudicamente, per rendersi conto che questo film indipendente dista mille miglia dalle convenzioni del cinema 'mainstream': laddove Hollywood avrebbe chiuso il cerchio nel solito lieto fine consolatorio, qui il rapporto genitore-figlio è appena all'inizio; più che una soluzione, una possibilità. Non si vede spesso una commedia con tante virtù: civiltà dei propositi, ottimi dialoghi, ritmo vivace, bella fotografia, una grande interpretazione. Quella di Felicity Huffman, ignota fino a ieri al grande pubblico, poi diventata celebre nel ruolo della 'casalinga disperata' Lynette e ora in corsa per l'Oscar come migliore attrice protagonista. Lei, la statuetta, se la meriterebbe tutta: per come ha sottoposto il corpo a un trucco deformante e delicato insieme, calandosi poi in un personaggio che è un crogiolo di dolore, humour, amarezza, determinazione. Trovare tanta umanità in un 'carattere' cinematografico è una cosa che, in una stagione, capita un numero di volte da contare sulle dita." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 10 febbraio 2006)

"Una trans-gedia greca? No, un buffo road movie alla Easy Rider (lo yuppie oggi è il ladro), un grottesco work in progress sui ruoli di famiglia, esposizione di ciò che è iper americano: ma non è un film malsano su quel che hai sotto la gonna. Piccolo budget, stile tradizionale (il prefinale in famiglia middle e ipocrita, tipo 'Vizietto') per un inno alla tolleranza e all'ambivalenza sentimentale in totale relativismo di ruoli e affetti. Audace senza scandali, con la super magnifica e credibile Felicity Huffman di 'Desperate Housewives', la commedia del deb Duncan Tucker è classica, un po' acida e assai divertente." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 10 febbraio 2006)

"Ecco, seguendo l'inarrestabile tsunami del nuovo corso, un altro film sui diversi, ovviamente ricoperto dai premi. Il beffardo titolo 'Transamerica', anticipa lo scabroso tema, affrontato con encomiabile ironia, mischiata a fastidiose concessioni al cattivo gusto, dal coraggioso (ma nemmeno tanto, di questi tempi) e ruffiano esordiente Duncan Tucker, autore anche di soggetto e sceneggiatura (...) Tirando le somme, un film sgradevole, eppure tenero, che cerca di non scivolare, riuscendoci solo in parte, sul terreno infido. Certe scene mettono i brividi, anche di disgusto, altre sfiorano la commozione. Strepitosa l'imbruttita casalinga disperata Felicity Huffman, che purtroppo si mostra nuda in entrambe le versioni." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 10 febbraio 2006)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy