Torna, piccola Sheba!

Come Back, Little Sheba!

USA - 1952
Jack e Lola Delaney sono sposati da parecchi anni e, dopo aver perso una bambina che stavano attendendo, non hanno più avuto figli. La loro tenerezza si era riversata sulla cagnetta Sheba che, però, scompare improvvisamente. Jack, che ha dovuto interrompere gli studi di medicina per sposare Lola, non se lo è mai perdonato, tanto che ha abusato a lungo di bevande alcooliche finchè non si è entrato in un'associazione contro l'alcolismo che lo ha aiutato a superare la dipendenza. Da un anno non beve più e ha festeggiato con la moglie e gli amici dell'associazione. Per arrotondare le modeste entrate, Lola ha affittato una stanza alla studentessa Mary Buckholden. A Jack la ragazza ricorda le sue antiche aspirazioni, i suoi sogni giovanili, e prova per lei un sentimento paterno ed è preoccupato nel vederla frequentare un atleta universitario, Tony, ch'egli giudica indegno di lei. Una notte Jack vede che Tony si trattiene nella stanza di Mary e ne è così amareggaito che cerca conforto nell'alcool. La moglie, che ha preparato una cena di benvenuto per Bill, il fidanzato ufficiale di Mary, lo attende inutilmente dopo essersi accorta della sparizione di una bottiglia di liquore che tenevano in casa per gli ospiti. Quando rientra, ubriaco, Doc maltratta la moglie, che accusa, tra l'altro, di aver favorito la tresca di Mary con l'atleta, alle spalle del fidanzato. Nel tentativo di accoltellarla, cade svenuto, mentre Lola viene soccorsa da una solerte vicina. Ricoverato all'ospedale, viene curato energicamente e ritorna a casa con le migliori intenzioni. Lo accoglie Lola, sempre sorridente, e per i due coniugi potrà iniziare una nuova, più serena esistenza.
  • Durata: 99'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 mm. (1.37: 1)
  • Tratto da: commedia omonima di William Inge
  • Produzione: HAL B. WALLIS PER PARAMOUNT
  • Distribuzione: PARAMOUNT

NOTE

- SHIRLEY BOOTH - CHE AVEVA GIA' INTERPRETATO IL RUOLO A BROADWAY - HA VINTO L' OSCAR E IL GOLDEN GLOBE 1953 COME MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA, OLTRE A VARI PREMI MINORI. IL REGISTA E' STATO PREMIATO AL FESTIVAL DI CANNES 1953 PER IL MIGLIOR FILM DRAMMATICO.

CRITICA

"Il film, tratto da un lavoro teatrale, ha un contenuto essenzialmente psicologico e si giova dell'ottima interpretazione di Shirley Booth e di Burt Lancaster." (Segnalazioni cinematografiche, vol. 34, 1953)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy