The Traveller

El mosafer

EGITTO - 2009
1/5
The Traveller
Tre giorni cruciali nella lunga vita dell'egiziano Hassan. Tre giorni d'autunno - 1948, 1973 e 2001 - in cui, attraverso un'intensa esperienza umana, Hassan forgerà e consoliderà il suo temperamento, conoscerà l'importanza dei vincoli di sangue e allo stesso tempo il significato delle parole amore, gelosia, tradimento e paternità.
  • Altri titoli:
    Il viaggiatore
  • Durata: 125'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM, SCOPE (1:2.35)
  • Produzione: MINISTERO DELLA CULTURA EGIZIANO FONDO EGIZIANO PER LO SVILUPPO CULTURALE IN COLLABORAZIONE CON ALBERTO LUNA PER MAXUS PRODUCTION

RECENSIONE

di Silvio Grasselli

In un festival appariscentemente intriso di morti lutti e commemorazioni funebri in Concorso arriva un esordio confuso e mortifero. Ahmed Maher accede al primo lungometraggio di finzione con un progetto dalle dichiarate ambizioni internazionali. Prodotto senza risparmi con risorse pubbliche e private, The Traveller segue la vicenda dell’impiegato Hassan cogliendo tre giorni decisivi nell’arco di più di cinquant’anni della sua grigia esistenza. Alla traiettoria personale di uomo mediocre, incapace di realizzare se stesso e i propri sogni, al doloroso triste destino della famiglia del di lui primo amore, si affianca e sovrappone, in trasparenza, non solo la storia di tutto l’Egitto ma anche una fetta cospicua del passato di quella parte del mondo arabo: dalla gaia spensieratezza di Port Said nel 1948, la giovinezza, al caotico e miserabile trambusto d’Alessandria nel 1973, la maturità, fino ai cupi giorni del Cairo appena scosso dai fatti dell’undici settembre 2001, la vecchiaia e la defintiva solitudine del protagonista.
Maher nel suo film sembra voler mettere tutto, accatastando effetti visivi, stili fotografici diversi e diversi ritmi di montaggio, costumi, trucchi digitali, volti e paesaggi con l’idea, forse, di comporre l’Heimat egiziano. Il film però avanza a fatica eccedendo oltre ogni ragionevole misura nell’uso delle dissolvenze, dimostrando a ogni trapasso narrativo l’approssimazione della scrittura che mette a contatto i tre episodi senza costruire un efficiente sistema di raccordi. Troppo di tutto perchè alla fine non l’abbia vinta lo spaesamento e la noia. A Omar Sharif l’ingrato compito di prestare corpo e volto all’Hassan vecchio, avvicinato dalla fugace apparizione del nipote Aly e incontrovertibilmente votato a una fine solitaria e disperata.

NOTE

- IN CONCORSO ALLA 66MA MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2009).

CRITICA

" Eccezionale solo Omar Sharif (che invecchiando migliora, come i vini top class), nell'atteso 'El Mosafer' dell'egiziano Ahmed Maher. I tre giorni cruciali nella vita del suo Signor Hassan restano, in effetti, pretesti narrativi sproporzionati alla furbastra qualità dei contenuti, pressappoco la solita sinfonietta umanistica da allegare al solito manifestino anti-occidentale." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 11 settembre 2009)

"Un po' scontato il film egiziano 'El mosafer' ('Il viaggiatore') di Ahmed Maher che aggiorna la struttura fluviale dei melodrammi nazionali ad ambizioni autoriali postmoderne. Così la vita del protagonista, che nella sua età matura ha il volto di Omar Sharif, viene «riassunta» in tre giornate significative, capace di far emergere (oltre all'evidente amore per Fellini: le citazioni si sprecano) le fragilità e le debolezze dell'uomo, che sembra incapace di lottare per quello che davvero ama." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 11 settembre 2009)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy