The Shipping News - Ombre dal profondo

The Shipping News

USA - 2001
The Shipping News - Ombre dal profondo
TRAMA BREVE
Dopo aver perduto la moglie in un incidente stradale ed alle prese con un periodo professionale non molto fortunato, un giornalista senza pretese di New York, Quoyle, torna insieme alla figlia ed alla zia nel piccolo paese di pescatori dove è cresciuto, Killick-Claw sulla costa del Newfoundland, soprattutto per ritrovare se stesso. Assicuratosi un lavoro presso il piccolo quotidiano locale 'The Gammy Bird', comincia a scrivere storie di mare molto apprezzate dai membri della comunità. Col passare del tempo, Quoyle prende a frequentare la vedova Wavey, una donna che lotta con i demoni del suo passato. Per il giornalista ha inizio una nuova vita in cui c'è spazio per la stima e il rispetto di sé.

TRAMA LUNGA
Quoyle ha un passato che lo opprime, un lavoro che non lo soddisfa, una moglie, Petal, fedifraga ed egoista, ed una figlia piccola, Bunny, da crescere. La morte di Petal in un incidente stradale e quella dei propri genitori suicidi spinge il frustrato Quoyle a lasciare New York e seguire la burbera zia Agnis nella terra d'origine della sua famiglia, in un piccolo paese di pescatori sulle coste del freddissimo Newfoundland. Qui Quoyle può iniziare una vita completamente diversa: diventa un giornalista apprezzato del piccolo giornale locale, comincia a frequentare la giovane vedova Wavey, che ha un figlio handicappato, e riscopre, anche dolorosamente, il misterioso passato della propria famiglia. I suoi avi erano crudeli pirati e suo padre aveva violentato la sorella Agnis. Questa, abortito il figlio frutto della violenza, aveva preso a disprezzare gli uomini, diventando omosessuale. Tra leggende e superstizioni, superando traumi e paure, Quoyle trova, finalmente, la fiducia e la stima in se stesso, e diviene una persona realizzata pronta ad affrontare una vita nuova al fianco di Wavey.
  • Altri titoli:
    Noeuds et dénouements
  • Durata: 111'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: romanzo omonimo (vincitore del Premio Pulitzer) di E. Annie Proulx
  • Produzione: COLUMBIA PICTURES, MIRAMAX, TRISTAR PICTURES
  • Distribuzione: BUENA VISTA
  • Data uscita 15 Febbraio 2002

NOTE

- IL REGISTA HA VOLUTO CHE KEVIN SPACEY INGRASSASSE 15 CHILI PER INTERPRETARE QUESTO PERSONAGGIO.

- PRESENTATO AL FESTIVAL DI BERLINO 2002.

CRITICA

"Il regista abbassa il tasso degli zuccheri sperimentato in 'Chocolat' e 'La casa delle regole del sidro' e sceglie il racconto piano e riflessivo. Un velo di noia, ma un cast di vere primedonne. Per chi ama il grandissimo Kevin Spacey, qui in un'inedita scena bollente con Cate Blanchette". (Piera Detassis, 'Panorama', 10 gennaio 2002)

"Non ci risparmiano marine selvagge che grattano la solitudine dei cuori e strindberghiane reminiscenze parentali, a imitazione di Emily Bronte e del melò (migliore: 'L'ultima eclissi'. Succede però che film mediocri siano salvati da un attore: Kevin Spacey, ormai grande interprete, ci porta, senza un avviso percettibile, dal malessere all'essere. Potabile". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 14 febbraio 2002)

"Film-terapia: un uomo calpestato dalla vita prende il pugno il proprio destino, supera traumi e paure, riscatta frustrazioni e fallimenti in una serie di prove dolorose e spettacolari. A Hollywwod è quasi un sottogenere, ma c'è chi sa farli bene. Come Lasse Hallstrom, regista svedese dell'ottimo 'La mia vita a quattro zampe', e del mediocre 'Chocolat' (...) Ce n'è abbastanza per due o tre film, ma Hallstrom ha polso, senso epico, ironia. E questo viaggio in fondo al gelo si vede con innegabile piacere". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 15 febbraio 2002)

"'Adattamento del romanzo di E. Annie Proulx, 'The Shipping News' è un melodramma edificante, con qualche aspirazione alla trasgressione risolta in termini politicamente più che corretti. Questa volta il proteiforme Spacey, capace di prestare i tratti a un serial killer come a un alieno, sceglie di fare il patetico, lottando con la paura dell'acqua (e della vita) fino a farsi sommergere in metaforiche scene di sogno-annegamento; però il personaggio manca di sfumature e, malgrado le doti dell'interprete, non acchiappa più di tanto. Meglio le parti femminili". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 17 febbraio 2002)

"Lasse Hallström è un regista che non rischia più da tempo. Il suo film più stimolante, pur con tutti i difetti e il sostanziale fallimento, è 'Buon compleanno Mr. Grape'. Ha una fantasia cinematografica molto limitata e le sue capacità di racconto dipendono dai romanzi ai quali si accosta. Non è né un decoratore né un illustratore, né un ermeneuta né un iconoclasta. E' un lettore e la sua macchina da presa sfoglia le pagine, mette in bocca ai personaggi le parole tra virgolette, a scapito delle psicologie, delle progressioni, dei punti di svolta. La sua idea di regia si esaurisce nell'individuare un cast, nei costumi e nella scelta degli ambienti e poi tutto é messo in riga con ordine. Detto più che visto. (...) Le incursioni nel fantastico sono poco valorizzate e lo spettatore, angustiato, tiene il conto delle disgrazie spalmate sui personaggi principali..". (Enrico Magrelli, 'Film tv', 19 febbraio 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy