The Rocker - Il batterista nudo

The Rocker

USA - 2008
The Rocker - Il batterista nudo
Quando era molto giovane, Robert "Fish" Fishman è stato il batterista della band Vesuvius, un gruppo glam metal degli anni '80 che ha vissuto momenti di gloria. Dopo essere stato espulso dalla band, Fish ha appeso le bacchette al chiodo ed ha rinunciato alla sua passione per l'hard rock. Ma vent'anni dopo, Fish potrebbe avere una seconda chance. Suo nipote adolescente Matt, infatti, è alla ricerca di un sostituto per il batterista della sua band che deve esibirsi durante una festa scolastica. Zio e nipote uniscono le loro forze e, complice un bizzarro video messo on-line su Youtube, Fish ritrova la celebrità di un tempo...
  • Durata: 128'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85)
  • Produzione: 21 LAPS ENTERTAINMENT
  • Distribuzione: 20TH CENTURY FOX ITALIA
  • Data uscita 19 Settembre 2008

RECENSIONE

di Anna Maria Pasetti
Rocker quarantenne in soffitta e sogni infranti per sempre. Peter Cattaneo non ci sta. E da estremista delle seconde chance, dopo gli strip operai di Full Monty nella vecchia Inghilterra, vola a Cleveland e punta al mondo del rock, riesumando un batterista ex promessa dell'hair heavy, frustrato e sudato, che - guarda caso - fa le prove concerto senza veli via web cam. Catturato su YouTube, diventa cyber-icona trascinando la band di adolescenti (con grasso nipote incluso) in cui suona, a quel successo che da ventenne gli era sfuggito.
Con buona pace del sogno americano a riscatto dell'occasione perduta quando era leader fondatore dei Vesuvius (nel film divenuti band di culto e che una volta noti tradiscono il passaporto americano fingendosi "british" perché è più "cool") e dai quali, però, era stato tradito. Trainato da un umorismo tra il goliardico e il volgare da American Pie a ritmo rockettaro, il nuovo film del cineasta inglese è anni luce dal tocco di Full Monty. Condimento degli ingredienti è il cast, molto popolare oltreoceano, in cui spiccano il versatile Rainn Wilson (il protagonista "Fish") di Six Feet Under, l'enfant prodige musicale Teddy Geiger, Christina Applegate e Emma Stone.

CRITICA

"Rainn Wilson gorillone senza freni da cartoon comanda la commedia che si nutre di volgarità & attualità (You Tube), ci ricorda l'era del sesso, droga & rock n'roll fino alla sfida finale all'ultimo rock, con alcuni brani sociologicamente divertenti nell'imperante grottesco con cast di popolarità tv." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 19 settembre 2008)

"Grazie a un Wilson meno sarcastico del solito, 'The Rocker' è amabile. Il comico esce con le ossa rotte dal confronto con Jack Black. Ma è una sconfitta portata a casa con una certa dignità. Stessa cosa per Cattaneo con il Pasolini di 'Machan'". (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 19 settembre 2008)

"Peter Cattaneo torna al cinema cercando di mutuare la sua cifra stilistica, sociale e umoristica al mondo della musica, sua passione da sempre. Non a caso 'The Full Monty' vedeva degli spogliarellisti operai cimentarsi con hit come 'Hot stuff' e persino nella mal riuscita variazione sul tema 'Lucky Break' i protagonisti sono dei galeotti dediti al ballo e il ritmo non manca. E in fondo, il regista ama fare dei musical mascherati: film di fiction con una struttura semplice in cui le note hanno uno spazio ampio e codificato, a fare da divisione in capitoli del racconto. 'The Rocker' non sfugge alla regola, anzi la segue con ovvia naturalezza. (...) Sarebbe tutto perfetto - e alcune scene lo sono, come l'inseguimento iniziale di Wilson - se non fosse che la demenzialità del film risulta troppo spesso di scialba volgarità e lo stile di regia, scrittura e dialoghi è costantemente piatto, come il finale telefonato. Ci si consola solo con l'immortale Final countdown degli Europe. Davvero troppo poco." (Boris Sollazzo, 'Liberazione', 19 settembre 2008)

"Ambientato a Cleveland, Ohio, che dovrebbe suggerire Liverpool, England, 'The Rocker' fa sorridere solo quando il protagonista stende due spettatori di un concerto lanciando la camicia sudata." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 19 settembre 2008)

"Piacerà a chi ha amato, a suo tempo, 'Full Monty' e ora avrà certo il piacere di ritrovare il suo regista Peter Cattaneo alle prese con un personaggio di simpatico cialtrone, di perdente che non si rassegna al destino che gli rema contro." (Giorgio Carbone, 'Libero', 19 settembre 2008)

"Tra le pieghe di una favola stupidotta, il messaggio c'è. L'incontro e lo scontro tra due generazioni, la compensazione tra le velleità ribellistiche del vecchio - che sono però anche spinte vitali - e la depressione rinunciataria dei giovani, che è però anche senso di responsabilità. E' convinzione diffusa che si alluda alla vicenda di Pete Best, con i Beatles prima che diventassero i Beatles, poi sostituito da Ringo." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 19 settembre 2008)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy