The Report

USA - 2019
3/5
The Report
L'idealista Daniel J. Jones è incaricato dal suo capo, il senatore Dianne Feinstein, di condurre un'indagine sul programma di detenzione e interrogatorio della CIA creato all'indomani dell'11 settembre. L'incessante ricerca della verità da parte di Jones porta a scoperte clamorose, con la più grande agenzia di intelligence nazionale rea di aver distrutto prove, sovvertito la legge e nascosto un segreto scioccante all'opinione pubblica americana.
  • Durata: 119'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, THRILLER
  • Produzione: TOPIC STUDIOS, MARGIN OF ERROR, UNBRANDED PICTURES, VICE MEDIA
  • Distribuzione: AMAZON
  • Data uscita 18 Novembre 2019

TRAILER

RECENSIONE

di Gian Luca Pisacane
La sottile linea bianca. Quella che unisce l’andare degli anni, i nomi collegati su una lavagna, l’intricato evolversi degli eventi. La parola al centro di tutto: cancellata, manipolata, “redatta”, come insegnava anche Brian De Palma nel suo bellissimo Redacted, ma lì si parlava di immagini. Si parte dal titolo: The Torture Report.

Poi una riga nera rende torture illeggibile. Resta The Report, il rapporto che sconvolse il mondo sulle tecniche d’interrogatorio utilizzate dalla Cia dopo l’11 settembre. Soffocamento, waterboarding, violenze, impossibilità di dormire…

Il regista Scott Z. Burns si interroga sul dilemma morale. Ammicca a Zero Dark Thirty della Bigelow, guarda al cinema degli anni Settanta.


 

Alle gole profonde, alle fughe di notizie, a quell’atmosfera post-Watergate che processava le istituzioni, e condannava la Casa Bianca e i servizi segreti. Strizza l’occhio a Unthinkable (da noi poco conosciuto), quando Martin Sheen veniva seviziato dallo “specialista” Samuel L. Jackson.

La violenza chiama altra violenza (“Lo abbiamo sottoposto al waterboarding per 183 volte”), la legge non protegge, ma si trasforma nel capestro. E l’obiettivo è insabbiare, rintanarsi nel sottosuolo dove tutto è lecito, anche la fine dei diritti umani.

Burns trasforma Adam Driver in un nuovo Robert Redford, e prende come modello Tutti gli uomini del presidente. Lavora sul corpo del suo protagonista, lo rende un esempio di etica, un ultimo porto sicuro in mezzo a politici senza scrupoli. La bandiera americana non sventola più così alta, va in scena l’altra faccia della Storia.

Quella in cui il patriottismo non è una virtù, e tutto è lecito pur di alimentare i propri interessi. Si sentono gli echi di Plutonio 239 – Pericolo invisibile, dove sul banco degli imputati c’erano le centrali nucleari. Burns, sceneggiatore di Soderbergh e non solo, conferma il suo spirito militante. La sua è una regia solida, schierata, che deve molto ai grandi del passato e con vigore si lancia nella ricerca della verità.

NOTE

- PREAPERTURA DELLA XIV EDIZIONE DELLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA (2019)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy