The Producers - Una gaia commedia neonazista

The Producers

USA - 2005
The Producers - Una gaia commedia neonazista
A Broadway, Max Bialystock è un ex-produttore teatrale di successo caduto da tempo in disgrazia. Un giorno riceve la visita di Leo Bloom, un timido ragioniere che deve riempire i libri contabili e che gli fa notare come una persona disonesta, messa nel contesto giusto, potrebbe guadagnare più soldi producendo un flop che non un grande successo. Immediatamente Bialystock comprende che l'idea potrebbe essere giusta e cerca di convincere Bloom a studiare un piano per mettere in scena uno spettacolo dall'insuccesso assicurato e poi fuggire con i soldi stanziati dagli ignari investitori. Bloom, inizialmente riluttante, quando capisce che l'occasione è ghiotta per migliorare il suo stile di vita, decide di accettare. La scelta cade sul copione "La primavera di Hitler" scritto da Franz Liebken, un criminale nazista riparato negli Stati Uniti. Scritturano poi lo stravagante regista Roger DeBris, completamente privo di talento, e Ulla, una bomba sexy svedese dal cognome pieno di consonanti, che oltre a far parte del corpo di ballo, viene impiegata come segretaria centralinista. Il ruolo del protagonista viene assegnato allo stesso Liebken che però si infortuna poco prima di andare in scena e viene così sostituito da DeBris. Alla prima, lo spettacolo invece di essere un flop riscuote un successo sensazionale che mette in crisi i soci in affari...
  • Altri titoli:
    The Producers: The Movie Musical
  • Durata: 135'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, MUSICALE
  • Tratto da: sceneggiatura di Mel Brooks (1968) e musical "The Producers, the New Mel Brooks Musical" (2001) di Mel Brooks e Thomas Meehan
  • Produzione: MEL BROOKS E JONATHAN SANGER
  • Distribuzione: SONY PICTURES RELEASING ITALIA (2006)
  • Data uscita 17 Marzo 2006

RECENSIONE

di Marco Spagnoli

The Producers rappresenta un caso interessante nella storia del cinema. Nato nel 1968 come film (intitolato in italiano Per favore, non toccate le vecchiette) nel duemila è diventato un musical di successo a Broadway, poi trasformato in un film prodotto dallo sceneggiatore e regista dell’originale Mel Brooks e diretto da Susan Stroman. Quasi quaranta anni dopo la storia di due improbabili impresari che vogliono mettere su il peggiore musical della storia di Broadway è ancora ricca di fascino e suggestioni. Soprattutto perché arricchita dalle interpretazioni di una strepitosa Uma Thurman e di un irresistibile Will Ferrell nei panni di un eccentrico nostalgico nazista. Quando il contabile nota che – truccando un po’ i conti – un musical che si rivela un fiasco può diventare molto redditizio per i produttori, viene trascinato in una stravagante avventura in cui i due uomini sono intenzionati a produrre il peggiore show di Broadway. The Producers è un musical puro e molto classico che – come unico, grande difetto – ha quello di essere troppo “teatrale”.

NOTE

- REMAKE DI "PER FAVORE NON TOCCATE LE VECCHIETTE" (THE PRODUCERS) DEL 1968.

- COREOGRAFIE: SUSAN STROMAN.

- L'AVVOCATO DI MAX BIALYSTOCK E' INTERPRETATO DA THOMAS MEEHAN, AUTORE DEL MUSICAL, CHE HA ISPIRATO IL FILM, E SCENEGGIATORE.

CRITICA

"Non aspettate invenzioni cinematografiche né grandi soluzioni di linguaggio dalla commedia musicale 'The Producers', adattamento di un galattico successo del 2001 tuttora rappresentato a Broadway; però si ride, e tanto, perché il soggetto immaginato dall'ineffabile Mel Brooks tocca momenti di rara comicità () Tutto disseminato di numeri musicali, 'The Producers' tocca l'apogeo con la messa in scena dell'assurdo spettacolo, capolavoro assoluto di bruttezza e cattivo gusto. Chi è in astinenza di comicità farà bene a non privarsi dell'occasione." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 17 marzo 2006)

"Alquanto sgangherato, a tratti esilarante, decisamente scorretto. In principio c'erano Mel Brooks e il film dal titolo italiano 'Per favore non toccate le vecchiette'; poi è arrivato il musical gratificato da un successo strepitoso a Broadway; infine ecco il remake cinematografico, con gli stessi, ottimi protagonisti del palcoscenico più un'indiavolata Uma Thurman e la coreografa Susan Stroman promossa a regista: 'The Producers' è un film che non conta su un pubblico di riferimento e ha uguali probabilità di disgustare o estasiare (magari al tempo stesso). (...) Si passa, per capirci meglio, da Lubitsch a Bombolo, da Woody Allen a Iacchetti senza soluzione di continuità e alla fine non sai se applaudire l'estremismo kitsch o deplorare lo stile usa-e-getta." (Valerio Caprara, 'Il Mattino, 25 marzo 2006)


"Un film che forma con 'Il dittatore' di Chaplin e 'Vogliamo vivere!' di Lubitsch un'ideale trilogia sul nazismo in chiave di comicità. (...) Imperniato su una trovata da fare invidia a Bernard Shaw, il paradosso di Mel Brooks gioca sull' inconoscibilità che avvolge il destino di ogni evento umano. Non si sa mai come andrà lo spettacolo: il che, allargato a un significato generale, diventa una metafora del mistero tra vita e morte. L'ininterrotto carosello di risate di 'The Producers' si aggancia insomma a due motivi molto seri, il primo storico-politico, il secondo stoico-esistenziale. Il tutto servito con un contorno di versicoli folgoranti, motivetti orecchiabili, dialoghi frenetici, pantomime e balletti. Vorrei concludere con una modesta proposta alla Sony, distributrice del film. Perché non organizzare a Milano una matinée gratuita per i partecipanti alla gaia sfilata neonazista (definita da Berlusconi 'la civile riunione di un nostro alleato') svoltasi sabato 11 marzo nelle vie della metropoli? Sono certo che smaltite le perplessità i torvi guerriglieri della svastica nel buio della sala spianeranno le grinte al riso. E risanati grazie all' indovinata terapia, all' uscita tralasceranno di ritirare al guardaroba il loro arsenale di gagliardetti e spranghe. Avendo capito, grazie all' ebreo newyorkese Melvin Kaminsky (vero nome di Brooks all' anagrafe) che lungi dal rimpiangere i feticci nazifascisti del ' 900 bisogna abituarsi a deriderli." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 17 marzo 2006)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy