The Lighthouse

CANADA, USA - 2019
3,5/5
The Lighthouse
Storia ipnotica e allucinante di due guardiani del faro di un isola remota e misteriosa del New England negli anni '90 del 1890.
  • Durata: 110'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO, HORROR, FANTASY
  • Specifiche tecniche: (1:1.37), 35MM
  • Produzione: YOUREE HENLEY, LOURENÇO SANT'ANNA, RODRIGO TEIXEIRA, JAY VAN HOY PER NEW REGENCY PRODUCTIONS, A24
  • Distribuzione: DVD, BLU-RAY UNIVERSAL PICTURES HOME ENTERTAINMENT ITALIA (11 NOVEMBRE 2020)
  • Vietato 14

RECENSIONE

di Federico Pontiggia

Il vecchio, il giovane e il mare. Ci sono retaggi, eredità e simmetrie, ma in un mix quasi inedito nell’opera seconda di Robert Eggers dopo l’acclamato The Witch (2015): The Lighthouse è piccolo ma pieno da scoppiare; ha un bianco e nero che diresti minimalista ma è, al contrario, massimalista; è un dramma da camera ma quella camera è un faro; ha tentacoli giganteschi, sirene e gabbiani vittime o carnefici, ma è il passo a due del vecchio e del giovane, entrambi guardiani del faro.

Ultimi decennio dell’Ottocento, New England, un’isola isolata, nere le rocce, nero l’orizzonte: il vecchio lupo di mare è Willem Dafoe, il suo nuovo assistente, ovvero schiavo, è Robert Pattinson, devono starci per quattro settimane, ce la faranno?

Atmosfere gotiche, stilizzazione palese, da Van Gogh a Moby Dick tutto quello che vi può venire in mente c’è, il formato Movietone 1.19:1 pure, e nella dinamica servo-padrone a gradazione variabile e infine imbibita di cherosene verrà la domanda, la solita: quis custodiet ipsos custodes?

The Lighthouse, in anteprima alla Quinzaine di Cannes e ora all’IFFAM di Macao, è un film furbo, che Eggers lo fosse ce n’eravamo già accorti, e che a produrre sia ancora A24 corrobora, ma non è un film disprezzabile, tutt’altro: gli attori, Dafoe su Pattinson, ci sanno fare, dominano e catalizzano, gli scontri sono sballati come si conviene, il mito, l’antico fa capolino per davvero, l’homo homini lupus azzanna, la licenza di variare, dalla pazzia all’horror anche generi e registri, concessa.

Eggers non è, ancora, un autore, ma gira dandolo per scontato, con qualche pregio: non viene per nulla, The Lighthouse, anzi, accende una luce sinistra sulla nostra follia. Perché possiamo scegliere se essere Dafoe o Pattinson, ma non di non essere lì, tra marosi mondani e presenze altre. Condannati a noi stessi.

NOTE

- PRESENTATO AL 51. QUINZAINE DES RÉALISATEURS (CANNES 2019).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy