The Eye of the Storm

AUSTRALIA - 2011
4/5
The Eye of the Storm
Sydney. Elizabeth Hunter è prossima alla morte, così i suoi due figli - Sir Basil e Dorothy - giungono al capezzale nella speranza di ricevere presto l'eredità materna. Sir Basil, infatti, tenta disperatamente di sfondare come attore a Londra, mentre sua sorella Dorothy è reduce da un matrimonio fallito con un principe francese. Tuttavia, non sarà facile per entrambi mettere a segno l'obiettivo poiché Elizabeth, anche nel momento estremo della sua vita, è in possesso di una incredibile forza vitale. I due ricorreranno quindi anche all'aiuto dei riluttanti servigi dell'avvocato di famiglia, Arnold Wyburd, da sempre innamorato di Elizabeth...
  • Durata: 118'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, DRAMMATICO
  • Tratto da: romanzo "L'occhio dell'uragano" di Patrick White (ed. Bompiani) premio Nobel australiano per la Letteratura (1973)
  • Produzione: ANTONY WADDINGTON, GREGORY READ, FRED SCHEPISI PER PAPERBARK FILMS

RECENSIONE

di Angela Sanseviero
Diretto da Fred Schepisi e tratto da un classico della letteratura australiana, l'omonimo romanzo dello scrittore premio Nobel Patrick White, The Eye of the Storm inscena vizi e ancora vizi di una disfunzionale famiglia, nobile solo nei titoli, in una black comedy giocata tra il passato di una vecchia signora che “pretende di decidere come morire” e un presente in cui tutti cercano il proprio tornaconto.
Schepisi, riuscendo alla perfezione nel suo intento, fa agire i tre protagonisti con la riluttanza di chi non ha mai imparato ad amare, li rende viziati da un manierismo di superficie che mal cela il disprezzo reciproco. Elisabeth Hunter, dispotica e morente, è una superba Charlotte Rampling, circondata dal solo lusso della sua villa e da uno stuolo di servitù pronto ad assecondarla in ogni capriccio, pur di godere dei suoi benefici. Da lucida cerca il modo più adatto di teatralizzare la morte e, nei momenti confusionali, rivive il passato nei flashback del devastante uragano avvenuto in seguito all'allontanamento di sua figlia Dorothy. Lei è Judy Davis, capace con una smorfia di svelare l'avidità, ricevuta in dono da una madre che nulla le ha risparmiato, reduce, per di più, da un matrimonio fallito e caduta in miseria, fuori luogo tra quelli del suo rango, ma di cui non può fare a meno.
E ora, figliola prodiga, armata della sua sfacciataggine, si presenta al capezzale della madre a chiedere le sue spettanze. E poi c'è Basil. Con il quale si riafferma il talento del premio Oscar Geoffrey Rush (Shine, 1996), ora nelle vesti di un blasonato (ma neanche poi tanto!) attore teatrale (stroncato dalla critica) donnaiolo (e imbranato) emigrato a Londra per seguire la sua passione. Le recensioni negative, si sa, arrivano anche in Australia e sua madre non manca di farglielo sapere. Ma solo per lui, il suo prediletto, sfoggia trucco e parrucco. Nessun particolare sfugge all'occhio della macchina da presa neanche i segni della decadenza, catturati attraverso i dettagli su piccole defaillance poco nobiliari; più volte si sofferma sugli insetti che infestano il cibo avariato, in rimando all'elemento naturale che percorre il film trasversalmente: l'uragano, portatore di distruzione ma non di vera catarsi.

NOTE

- PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA MARC'AURELIO ALLA VI EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA (2011).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy