The Breed - La razza del male

The Breed

USA, SUDAFRICA - 2006
The Breed - La razza del male
Cinque amici, che frequentano la stessa università, progettano di partire per raggiungere una piccola isola apparentemente deserta, dove avrà luogo una delle feste più memorabili dell'anno accademico. Che fare se però, arrivati a destinazione, devono vedersela con alcuni misteriosi ed ostili abitanti?
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: HORROR
  • Produzione: DEJ PRODUCTIONS INC., FIRST LOOK MEDIA, DEJ PRODUCTIONS, APOLLOPROMOVIE GMBH & CO. 1. FILMPRODUKTION KG, FILM AFRIKA WORLDWIDE CC
  • Distribuzione: MEDUSA FILM
  • Vietato 14
  • Data uscita 1 Giugno 2006

RECENSIONE

di Valerio Sammarco
I "soliti" cinque american boys, tre ragazzi e due ragazze, su un'isola (apparentemente) deserta per un weekend all'insegna di relax e divertimento. La casa che li ospita è quella lasciata dallo zio di due di loro, fratelli che si portano dietro qualche antico dissapore. Nemmeno a farlo apposta, in brevissimo tempo il gruppetto dovrà dire addio a goliardiche bevute e ritempranti sieste nel laghetto della tenuta: un branco di cani assetati di sangue inizierà a dar loro la caccia e mettersi in salvo diventerà operazione non proprio semplicissima. Da dove spuntano fuori? E, soprattutto, cosa li rende così maledettamente aggressivi? "Le storie più terrificanti sono quelle che potrebbero verificarsi sul serio", tengono a precisare gli sceneggiatori Robert Conti e Peter Martin Wortmann. Cosa che avrebbero fatto bene a ricordare anche durante la stesura di questo The Breed, diretto dall'esordiente Nick Mastandrea, per anni assistente o regista della seconda unità di maestri come Romero e Craven. Ed è proprio a quest'ultimo, qui in veste di produttore esecutivo, che non perdoniamo l'ennesimo tentativo malriuscito di riportare in auge il teen-horror USA: se poi la volontà era quella di spingere lo spettatore a parteggiare per i cani famelici (in tutto ventisei quelli utilizzati, per la maggior parte pastori tedeschi addestrati da Sled Reynolds e dal sudafricano Garin Van Munster), gli unici "attori" in grado davvero di convincere, allora tanto di cappello. Ma la sensazione è che, ancora una volta, l'effetto ottenuto sia diametralmente opposto a quello sperato.

NOTE

- PRODUTTORE ESECUTIVO: WES CRAVEN.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy