TENTAZIONE DI VENERE

MEETING VENUS

GRAN BRETAGNA - 1991
TENTAZIONE DI VENERE
Il direttore d'orchestra ungherese Zoltan Szanto, sta per essere conosciuto in tutto il mondo perchè dirigerà al teatro dell'Opera Europa di Parigi il Tannhäuser di Wagner, che verrà trasmesso via satellite in moltissime nazioni, interpretato dalla celebre soprano svedese Karin Anderson, nel ruolo della pura Elisabetta. Artista entusiasta, Szanto, appena giunto a Parigi, si impegna nel suo lavoro con assoluta dedizione, ma subito si trova ostacolato da beghe sindacali, scioperi, odi, amori e rivalità che disturbano le prove. Sul principio anche i rapporti fra il maestro e Karin sono tesi, ma presto i due si trovano alleati nel difendere la supremazia della musica contro beghe meschine, e poi fra loro nasce un grande amore, al quale si abbandonano completamente, nonostante Zoltan sia sposato e la Anderson si sia proposta di non rovinargli la vita. La soprano canta la parte di Elisabetta in modo stupendo, e il maestro dirige estasiato, cosicchè la musica sublime li unisce ancora di più. Szanto ottiene alle prove risultati artistici eccezionali, e tutti i collaboratori sono entusiasti. Poichè per precedenti impegni, Karin deve tenere un concerto a Budapest, convince Zoltan di accompagnarla, e questi è perciò costretto a presentarle la moglie Edith e la figlia. Edith comprende subito i veri rapporti fra il maestro e la soprano, e, rimasta sola col marito, lo accusa del suo tradimento davanti alla bambina, poi lo caccia di casa. Anche Karin rifiuta di rivederlo in albergo, dove lui le urla invano il suo amore, provocando uno scandalo. Ma al ritorno a Parigi, i due riprendono i loro appassionati rapporti amorosi. La Anderson è pronta a seguire Szanto dovunque, ma egli non può prometterle altrettanto, perciò gli amanti decidono di separarsi, anche se Karin, per esaltare la grande arte del maestro, gli bacia la mano davanti a tutta la compagnia. Alla prima, un nuovo sciopero impedisce il levarsi del sipario: l'opera viene perciò data in forma di concerto (a sipario chiuso), ed ottiene enorme successo. E quando nel finale, durante il "Coro del pellegrini", appare il ramo fiorito che simboleggia il perdono ottenuto da Tannhäuser, a Karin sembra di vedere un fiore spuntare anche sulla bacchetta di Szanto.
  • Durata: 119'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: NORMALE A COLORI
  • Produzione: DAVID PUTTNAM PER ENIGMA PRODUCTION
  • Distribuzione: WARNER BROS ITALIA - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI)

NOTE

LE PARTI CANTATE SONO INTERPRETATE DA: KIRI TE KANAWA (ELISABETTA), RENE KOLLO (TANNHAUSER), HAKAN HAGEGARD (WOLFRAM VON ESCHENBACH) WALTRAUD MEIER (VENERE)

CRITICA

Appartiene certo al regista il ricordo di "Prova d'orchestra" di Fellini di cui il film intelligente pare una versione dilatata, dislocata, arricchita dalla sto ria d'amore tra il direttore d'orchestra e la cantante. (Lietta Tornabuoni, La Stampa) I due protagonisti, Glenn Close e il francodanese Niels Arestrup dal volto intenso e genuino, danno il massimo, cioè molto. (Franco Colombo, L'Eco di Bergamo)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy