Tanto va la gatta al lardo...

ITALIA - 1978
"Tanto va la gatta al lardo..." - Tre mature sorelle, avendo saputo dalla radio che un maniaco sessuale è fuggito dal manicomio, si concedono a Dino, un approfittatore che si presenta come commesso viaggiatore.

"Fuga nella valigia" - Approfittando della distrazione degli agenti di custodia, un uomo fa evadere la moglie di galera nascondendola in una valigia.

"Amore coniugale" - Intenti a litigare, due coniugi bolognesi non s'accorgono che è scoppiata la guerra civile; non notano ribelli e poliziotti che transitano per casa; continuano la baruffa anche quando la casa è mezzo crollata.

"Processo per direttissima" - Un tifoso napoletano, entrato arrabbiatissimo in uno scompartimento di prima classe dove siedono un magistrato, un generale in pensione, un sacerdote, uno studente di legge e una donna industriale, usa un linguaggio triviale. Viene processato seduta stante ma poi si trova costretto ad abbandonare i suoi giudici che, coinvolti in una lite, iniziano a parlare peggio di lui.
  • Episodi: Tanto va la gatta al lardo... - Fuga nella valigia - Amore coniugale - Processo per direttissima
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: EROTICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA
  • Produzione: MEGAVISION, P.A.C. PRODUZIONI ATLAS CONSORZIATE, RAI TV
  • Distribuzione: P.A.C.

CRITICA

"I quatro episodietti, oltre ad alcuni interpreti, hanno in comune le seguenti caratteristiche: la sfacciata pubblicità di alcuni noti prodotti (es.. Fernet Branca, Pejo, Punt e Mes): la mancanza di umorismo; la scurrilità e la licenziosità usate come presunta molla di comicità; il cinico rifermento all'attualità (calcio, fuga di Kappler, rivoluzioni); preti e religiose come sinonimo di insipienza con acido ingiustificato anticlericalismo. L'atteggiamento "moralistico" nei confronti delle piaghe di cui soffre il nostro paese è del ttutto aberrante poichè uno dei mali peggiori è proprio il fatto che concepiscano, producano e distribuiscano film come questo!" ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 84, 1978)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy