Suor Pascalina - Nel cuore della fede

Gottes mächtige Dienerin

GERMANIA - 2011
Suor Pascalina - Nel cuore della fede
Per quasi quarant'anni, Suor Pascalina fu collaboratrice di monsignor Eugenio Pacelli, poi Papa XII; fu, inoltre, la prima donna ad avere un ruolo di rilievo nella amministrazione del Vaticano. Josefine Lehnert, nata alla fine dell'Ottocento in Baviera (ancora parte dell'impero asburgico) vive in famiglia fino agli anni dell'adolescenza. Suo padre si oppone con forza alle sue aspirazioni: le impedisce di studiare e vorrebbe farle rinnegare la vocazione spirituale che sostiene la ragazza fino a condurla nel Convento della Congregazione delle Suore Menzinger della Santa Croce ad Altotting. Con la consacrazione dei voti, Josefine prende il nome di Suor Pascalina e la Madre Superiora, Tharsilla Tanner, le assegna il compito di governante presso Eugenio Pacelli, il nuovo Nunzio Apostolico inviato a Monaco dalla Santa Sede per portare a compimento il Concordato con la Baviera. Il rigore e la cura per le necessità domestiche, la conoscenza delle Scritture e il coinvolgimento nella redazione dei documenti, distinguono Suor Pascalina e costituiscono un valore essenziale per Eugenio Pacelli. La rivoluzione bolscevica in Russia, le crisi successive alla Prima Guerra Mondiale e poi l'ascesa al potere di Hitler, che proprio a Monaco tenta il suo primo putsch, sconvolgono il cuore dell'Europa. La Santa Sede affida ad Eugenio Pacelli anche la Nunziatura Apostolica di Berlino. Suor Pascalina, per la sua vicinanza al Nunzio, viene fatta oggetto di invidia e delazione, accusata di aver trasgredito alle regole e richiamata in Convento. Costretta a una forzata espiazione, resta in cella di penitenza piuttosto che piegarsi alle false accuse. Con l'aiuto del Cardinale Faulhaber, Eugenio Pacelli ottiene il reintegro di Suor Pascalina che quando torna è provata nello spirito oltre che nel fisico. Finalmente guarita rientra a Berlino animata da rinnovato vigore. L'entusiasmo per la nomina di Pacelli a Cardinale Segretario di Stato, si trasforma in tristezza e delusione, Monsignore Wilson, segretario di Pacelli, sostiene che in Vaticano le donne non dovrebbero neanche entrare. Tuttavia, Papa Pio XI rimane colpito dalla relazione sulla bozza di concordato con la Germania, redatta proprio da Suor Pascalina, alla quale concede un ruolo all'interno della Segreteria di Stato. L'enciclica di Pio XI "Mit brennender Sorge" (Con bruciante preoccupazione), contro l'ideologia nazista, provoca in Germiana brutali rappresaglie contro i rappresentanti della chiesa. Poco dopo, Pio XI muore e Pacelli è eletto Papa. Monsignor Wilson cerca in tutti i modi di ostacolare Suor Pascalina ma senza riuscirvi. Durante i mesi terribili dell'occupazione nazifascista di Roma, Pio XII affida a Suor Pascalina il compito di aprire conventi e chiese per sottrarre gli ebrei romani alla deportazione, per il tramite della "Pontificia Commissione di Assistenza" che diventa un punto di riferimento importantissimo per le famiglie distrutte dalla guerra. Nel 1958, alla morte di Pio XII, Suor Pascalina lascia la Santa Sede.
  • Altri titoli:
    La poderosa sierva de Dios
    God's Mighty Servant
  • Durata: 180'
  • Colore: C
  • Genere: BIOGRAFICO, FILM TV
  • Tratto da: libro "La signora del sacro palazzo: Suor Pascalina e Pio XII" di Martha Schad (San Paolo Edizioni)
  • Produzione: ARD DEGETO FILM, EOS ENTERTAINMENT, REGINA ZIEGLER FILMPRODUKTION, IN COLLABORAZIONE CON BETAFILM E RAI
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy