Stand by Me - Ricordo di un'estate

Stand by Me

USA - 1986
Stand by Me - Ricordo di un'estate
Nel bosco che circonda Castle Rock, una cittadina dell'Oregon, quattro ragazzi si danno spesso convegno in una capanna appollaiata sulla biforcazione di un albero: il sensibile scrittore in erba Gordie Lachance, il più maturo ed equilibrato Chris Chambers, l'estroverso Teddy Duchamp e Vern Tessio e il timoroso ciccione del gruppo. Un giorno, i quattro decidono di fare un'escursione di una cinquantina di chilometri lungo i binari della ferrovia e verso il fiume guidati dallo stesso Vern, che di nascosto ha sentito parlare il fratello maggiore del corpo di un ragazzo scomparso giorni prima, da lui ritrovato nel bosco dove si era recato con un suo amico su di un'auto rubata. Dopo varie piccole avventure, il gruppo troverà il cadavere tra foglie e arbusti, battendo sul traguardo altri ragazzi più grandi, capeggiati da un bulletto cittadino. Una volta adulti la vita li separerà, ma non dimenticheranno mai quelle schiette amicizie di tanti anni fa.
  • Altri titoli:
    Cuenta conmigo
    Compte sur moi
    Stand by Me - Das Geheimnis eines Sommers
  • Durata: 96'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: PANAFLEX, PANAVISION, 35 MM (1:1.85) - TECHNICOLOR
  • Tratto da: racconto "Il corpo" tratto dalla raccolta "Stagioni diverse" di Stephen King (ed. Sperling & Kupfer)
  • Produzione: BRUCE A. EVANS, RAYNOLD GIDEON, ANDREW SCHEINMAN PER ACT III, COLUMBIA PICTURES CORPORATION, THE BODY
  • Distribuzione: COLOMBIA PICTURES ITALIA (1987) - COLUMBIA TRISTAR HOME VIDEO, L'UNITA' VIDEO (WINNERS)

NOTE

- CANDIDATO ALL'OSCAR 1987 PER LA MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE.

CRITICA

"Da un romanzo del re dell'orrore, Stephen King, un film fine e delicato di Rob Reiner, autore poco incline alle banalità, capace di acute osservazioni psicologiche sull'amicizia, le incomprensioni familiari e il difficile addio all'adolescenza. Bravissimi i semi inediti protagonisti, nessuno più emerso dal limbo delle meteore, tra cui lo sfrontato fratello d'arte River Phoenix, morto giovanissimo per un'overdose". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 20 gennaio 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy