Squadrone bianco

ITALIA - 1936
Squadrone bianco
Per soffocare una passione non corrisposta, un ufficiale di cavalleria si fa destinare ai meharisti di Tripolitania. Giunto al fortino, a cui è assegnato, si trova subito in contrasto con la mentalità rude e fiera del capitano comandante. A quel contatto e con quell'esempio il sodato comprende la futilità della vita trascorsa fino ad allora. In una lunga spedizione attraverso il deserto all'inseguimento di una banda di ribelli, ha modo di dimostrare tutta la propria fierezza. Durante il combattimento, dopo giorni di marcia, il capitano muore e l'uficiale riconduce lo squadrone al forte. Tra un gruppo di turisti lo attende anche la donna che lo aveva respinto. Ma il giovane le dichiara di non voler più abbandonare quella che sarà la sua vita.
  • Altri titoli:
    Lo squadrone bianco
  • Durata: 96'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: MUTO
  • Tratto da: romanzo "L'escadron blanc" di Joseph Peyré
  • Produzione: FRANCESCO GIUNTA PER ROMA FILM
  • Distribuzione: ENIC - VHS: DELTAVIDEO, VIDEO CLUB LUCE - DVD: BIBAX (2009)

NOTE

- IL FILM FU PRESENTATO ALLA MOSTRA DI VENEZIA DEL 1936, IL FILM VINCE LA COPPA MUSSOLINI PER "IL MIGLIOR FILM ITALIANO".

CRITICA

"[...] L'ambiente inconsueto, 'esotico' addirittura, avrebbe offerto effetti su efettacci, e il primo merito di Genina è di averli respinti. Ha riassunto in una specie di prologo (assai corrivo) l'avvio della vicenda; e la parte essenziale del film, l'avventura nel deserto, ha così potuto respirare poi con un suo ritmo, in un clima e in una atmosfera vivificati da un montaggio severo. [...] Già si doveva avere parecchia attenzione per il Genina, apparso subito dopo i pionieri della nostra prima cinematografia, e poi aggiornatosi con le ultime risorse e le ultime pretese del suo mestiere, in più di vent'anni di tenace lavoro. Ma ancora non ci aveva dato un film che in gran parte fosse convincente come questo [...] dove delicatezze ed evanescenze cedono il passo a un piglio saldo e virile. Il dramma del giovane tenente, dapprima sperduto, sbandato e poi ritrovatosi in un fervore di sacrifici e di riscatto, questo dramma è proposto molto semplicemente, e poi condotto e risolto con elementi apparentemente inavvertibili. Queste figure sono scabre, perché forti, asciutte perché antiretoriche; e la marcia nel deserto è ritmata dalla fatica e dalla sete prima ancora che dalla minaccia dei predoni". (Mario Gromo, "La Stampa", 22 agosto 1936).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy