SPIRITI NELLE TENEBRE

THE GHOST AND THE DARKNESS

USA - 1996
SPIRITI NELLE TENEBRE
Nel 1898, John Patterson, ingegnere e progettista, viene inviato in Africa per seguire da vicino e concludere entro breve tempo la costruzione di strade e ponti di collegamento per permettere il trasporto di merci. Nella zona in cui arriva, capisce dopo qualche tempo che incombe un grave pericolo: due feroci leoni in preda ad una furia incontrollabile ogni tanto si avvicinano ai luoghi di lavoro e fanno alcune vittime. I nativi sono spaventati e ben presto si diffonde la leggenda sulla invincibilità dei due animali. Per cercare di cambiare la situazione, Patterson capisce che i leoni devono venire eliminati, ma non ha gli aiuti necessari e allora chiama in soccorso Remington, noto cacciatore di animali selvaggi. Comincia allora uno scontro basato soprattutto sulla saldezza dei nervi e sulla precisione delle mosse da affrontare. I leoni, soprannominati Spirito e Tenebra, non si limitano a difendersi ma prendono a loro volta di mira i due uomini. Solo dopo molta fatica, e quando Remington ha perso la vita, Patterson riesce ad avere la meglio sulle belve e a far capire a tutti che la macabra profezia circa il luogo del massacro non si potrà avverare. Ma ancora oggi, Spirito e Tenebra continuano ad alimentare molte leggende in gran parte del continente africano.
  • Durata: 109'
  • Colore: C
  • Genere: AZIONE, THRILLER, AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICO A COLORI
  • Tratto da: ISPIRATO AL LIBRO "THE MAN-EATERS OF TSAVO" DI JOHN PATTERSON
  • Produzione: GALE ANNE HURD, PAUL RADIN, A. KITMAN HO
  • Distribuzione: MEDUSA DISTR. - MEDUSA VIDEO

NOTE

- REVISIONE MINISTERO DICEMBRE 1996.

- OSCAR 1996 PER I MIGLIORI EFFETTI SPECIALI SONORI.

CRITICA

"Peccato che non sia molto interessante stare a vedere per intere mezz'ore i cacciatori di leoni Val Kilmer e Michael Douglas avanzare cauti tra gli alberi con i fucili imbracciati, puntandoli e saltando qua e là, avanti e indietro, a destra e a sinistra; soprattutto è stancante Michael Douglas, con la sua recitazione depresso-scattante e la sua faccia a scarpa incorniciata da lunghi capelli brizzolati." (La Stampa, Lietta Tornabuoni, 23/12/96)

"Colonna sonora "sparata", massima invisibilità, uso sapiente del fuori campo. Il solo momento davvero "leonino", per così dire, è la soggettiva del babuino usato come esca e visto con gli occhi a infrarossi della belva. Per il resto, calma piatta, montaggio truffaldino e qualche battuta ad effetto, farina del sacco di William Goldman, sceneggiatore da Oscar per Butch Cassidy e Tutti gli uomini del Presidente (altri tempi)." (Il Messaggero, Fabio Ferzetti, 24/12/96)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy