Sotto il Celio Azzurro

ITALIA, FRANCIA - 2009
3/5
Sotto il Celio Azzurro
La scuola materna Celio Azzurro è un modello nell'educazione dei suoi piccoli iscritti, soprattutto riguardo al dialogo tra le culture. Tuttavia, la sua difficile sopravvivenza è dovuta esclusivamente all'energia e alla passione messa in atto dal gruppo docente.
  • Altri titoli:
    A School with a View
  • Durata: 80'
  • Colore: C
  • Genere: DOCUMENTARIO
  • Specifiche tecniche: HDCAM SR
  • Produzione: GRAZIELLA BILDESHEIM PER FABULAFILM, RAI CINEMA, 13 PRODUCTION
  • Distribuzione: FABULAFILM
  • Data uscita 30 Aprile 2010

RECENSIONE

di Luca Pellegrini
Roma non è soltanto turismo e shopping e il Celio non è soltanto il colle sul quale sorge il noto ospedale militare. Sotto un cielo romano spesso azzurro, piccole realtà crescono e combattono per raddrizzare l'immagine depressa della scuola italiana e della famiglia italiana. Aggiornando gli insegnamenti della più classica delle dottrine di pedagogia della quale l'Italia, fin dal Rinascimento, è stato faro illuminante e propulsivo, il prezioso documentario di Edoardo Winspeare, Sotto il Celio azzurro, senza retorica e con infantile naturalezza, racconta quell'energia e quella passione, dettate dalla scelta professionale e dal cuore grande, che un gruppo di insegnanti impegnano per costruire e difendere un vero e proprio "asilo modello" assediato da una cultura cinica e un sistema scolastico rigido e talvolta antiquato. Winspeare fa in questo caso le veci dell'osservatore impersonale e mimetizzato, nascosto nell'angolo di una classe, dietro un cespuglio durante la ricreazione in giardino, durante l'ora di disegno e quella della merenda, nell'ufficio in cui i maestri, “molto italiani, romanissimi, estremamente seri ma dalla leggerezza contagiosa e una simpatia sincera” - come dice lo stesso Winspeare - ricevono genitori prima dubbiosi, poi felici e entusiasti.
Celio Azzurro, l'asilo, è nato nel 1990 come primo centro multiculturale in Italia per l'accoglienza di bambini stranieri in età prescolare diventando un modello di didattica poco imitato e, forse, molto osteggiato. Tanto è vero che prima di essere un asilo per i piccoli, come il documentario dimostra, è una vera e propria scuola per i genitori, impermeabili e dubbiosi, rispetto ai loro piccoli, nell'accettare le proposte innovative del programma scolastico e disciplinare. Anche loro sono nell'anno sottoposti ad esami: per diventare bravi mamme e bravi papà che dialogano con colleghi di ogni razza e di ogni colore, per costruire un'Italia sovrastata da un cielo sempre più azzurro.

NOTE

- EVENTO SPECIALE ALLA IV EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA (2009) NELLA SEZIONE 'ALICE NELLA CITTA'-L'ALTRO CINEMA'.

CRITICA

"Una scuola modello: in Italia, quindi a rischio estinzione. La racconta Edoardo Winspeare ('Galantuomini'), che compie una civile e documentaristica incursione nel Celio Azzurro, scuola materna romana all'avanguardia, quella del dialogo multiculturale. Dice un'ex alunna che il Celio è un pezzettino di Paradiso sulla Terra : non è retorica, ma resistenza. Alle logiche culturali ed educative della normalizzazione armata: perché se grandi si diventa, tolleranti s'impara. Da piccoli, grazie a buoni - e coraggiosi - maestri." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 29 aprile 2010)

"Celio Azzurro è una scuola dell'infanzia immersa in uno di quei tipici angoli di Roma (il Celio appunto) che non t'aspetti di trovare. Dal 1990 ospita una struttura che accoglie bambini di tutte le nazionalità con un percorso educativo molto interessante. Edoardo Winspeare dopo 'Galantuomini' ritorna al documentario seguendo il corso delle quattro stagioni all'interno della struttura. Con stile inevitabilmente eterogeneo: molto bello e poetico, ad esempio, il racconto dei maestri attraverso le foto a ritroso, un po' meno sentito, e quindi incisivo, l'aspetto politico." (Pedro Armocida, 'Il Giornale', 30 aprile 2010)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy