SONO STATO IO

ITALIA - 1973
Milano. Lavavetri di giorno e di sera comparsa alla Scala, il giovane Biagio Scalise agogna ad entrare nel novero dei tanti che, per una ragione o per l'altra fanno parlare di sé. L'occasione per riuscirci gli si presenta quando, durante una serata di gala alla Scala un ignoto uccide, nel suo camerino la primadonna Gloria Strozzi. Intuendo che questo sarà, per la sua risonanza, il "delitto del secolo" Biagio - attento prima a prepararsi un alibi - se ne accusa colpevole. Pur con qualche fatica la polizia lo arresta. Finalmente il nome di Biagio è su tutti i giornali e mentre gli piovono addosso come aveva sperato, contratti pubblicitari richieste di articoli, proposte di film da interpretare si imbastisce il processo. Contando di servirsi del suo alibi all'ultimissimo momento Biagio ascolta sorridendo l'arringa del pubblico ministero che chiede per lui la condanna a trent'anni di carcere. A questo punto, l'imputato ricorre alla sua arma segreta. Il maresciallo dei carabinieri, però, che avrebbe dovuto scagionarlo, muore davanti al giudice prima d'aver potuto testimoniare. Vittima del proprio imbroglio, Biagio finisce in un penitenziario, dove verrà presto dimenticato da tutti.
  • Durata: 104'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO, COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA TECHNICOLOR
  • Produzione: DEAN PIO ANGELETTI E ADRIANO DE MICHELI
  • Distribuzione: DEAR - WARNER HOME VIDEO

NOTE

COSTUMI: DEL PRATO VINCENZO.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy