SoloMetro

ITALIA - 2006
SoloMetro
Solo Metro è un quotidiano gratuito romano utilizzato qui per raccontare storie di vita parallele di personaggi assai diversi tra loro. Una prostituta, uno scrittore, un'infedele e infelice coppia borghese, un nullafacente, il sosia del campione del mondo di moto e due bellisssime ragazze. Tutti impegnati a sopravvivere eludendo in ogni modo la realtà.
  • Durata: 84'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM
  • Produzione: MICHELE PLACIDO, FEDERICA VINCENTI PER METRO GOLDEN MINOR
  • Distribuzione: ISTITUTO LUCE (2007)
  • Data uscita 20 Luglio 2007

RECENSIONE

di Boris Sollazzo
Ottanta minuti, tutto compreso. La durata di Solometro, va detto francamente, è già una nota di merito. Marco Cucurnia, autore di regia, soggetto e sceneggiatura, nonostante sia all'opera prima non cede alla tentazione di durate pretenziose e difficilmente sopportabili. Solometro è un free press romano che qui si traveste da commentatore di vite: i suoi titoli fanno partire la storia e allo stesso modo la concludono. Pretesto intrigante e discreto per un piccolo girotondo di personaggi: uno scrittore, una prostituta, una coppia borghese e infelice, un provinciale sosia di un campione del mondo di moto, uno scioperato e due giovani e bellissime ragazze. Il primo incontra la seconda (Pietro Sermonti e Anna Valle, meglio al cinema che in tv) perché vuole scrivere un libro sulla "vita". La coppia (l'immancabile Michele Placido ed Eleonora Giorgi) è vittima di adulteri e interessi, i giovani cercano di uscire, eludere la propria vita precaria con trucchi e illusioni. Storie di piccola grande umanità raccontate con sobrietà, forse troppa. Regia diligente, come attori, sceneggiatura e persino il montaggio. Anche Roma qui non è la città eterna ma un insieme di dignitose periferie o strade residenziali discrete. Marco Cucurnia, dopo il documentario Mario Monicelli l'artigiano di Viareggio (qui in un velocissimo cameo), non dispiace. Un solo problema: il suo film è di quelli di cui non ci si pente della visione, ma di cui ci si dimentica in fretta.

NOTE

- ESORDIO DEL REGISTA NEL LUNGOMETRAGGIO.

CRITICA

"Ottanta minuti, tutto compreso. La durata di Solometro, va detto francamente, è già una nota di merito. Marco Cucurnia, autore di regia, soggetto e sceneggiatura, nonostante sia all'opera prima non cede alla tentazione. (...) Regia diligente, come attori, sceneggiatura e persino il montaggio. Anche Roma qui non è la città eterna ma un insieme di dignitose periferie o strade residenziali discrete. Marco Cucurnia, dopo il documentario Mario Monicelli l'artigiano di Viareggio (qui in un velocissimo cameo), non dispiace. Un solo problema: il suo film è di quelli di cui non ci si pente della visione, ma di cui ci si dimentica in fretta." (Boris Sollazzo, 'cinematografo.it', 20 luglio 2007)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy