Solo un bacio per favore

Un baiser s'il vous plaît

FRANCIA - 2007
Solo un bacio per favore
Gabriel ed Emilie si sentono attratti l'uno dall'altra sin dal loro primo incontro. Tuttavia, quando lui le chiede un bacio, Gabrielle rifiuta. Sulla base dell'esperienza dei suoi amici Nicolas e Judith, infatti, si è convinta che anche un bacio innocente possa provocare conseguenze disastrose.
  • Altri titoli:
    Shall We Kiss?
  • Durata: 97'
  • Colore: C
  • Genere: ROMANTICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM
  • Produzione: MOBY DICK FILMS, ARTE FRANCE CINÉMA, CANAL +, CNC, TPS STAR, PROCIREP, L'ANGOA-AGICOA, K-FILMS AMÉRIQUE
  • Distribuzione: OFFICINE UBU (2008)
  • Data uscita 9 Maggio 2008

RECENSIONE

di Anna Maria Pasetti
Non esiste un bacio senza conseguenze. Almeno nel cinema, che spesso punta sull'attesa del fatidico evento per dare una svolta alle proprie storie. In Solo un bacio per favore il gioco è quello di tentare di evitarlo, il bacio, ad ogni costo. Proprio per le devastanti conseguenze che procura, secondo le esperienze dei protagonisti del nuovo film di Emmanuel Mouret, alla sua quarta prova dopo l'apprezzato Cambio di indirizzo, uscito anche nelle nostre sale. Commedia dei sentimenti intelligente e imbastita sull'intreccio di più storie d'amore (riuscite, tentate o fallite), Solo un bacio per favore è strutturato sul meccanismo del racconto-contenitore di un'altra vicenda. L'incedere dei dialoghi segue il classico ritmo della "comédie française" ma non trascura momenti di silenzio in cui sono più gli sguardi a dettare il senso. Emerge la tendenza a prediligere il tratteggio dei personaggi femminili su quelli maschili: le donne di Solo un bacio per favore sono passionali, determinate ed equilibrate allo stesso tempo, ma reali, quindi non esenti da difetti e debolezze. La scelta oculata delle attrici principali, Virginie Ledoyen e Julie Gayet, ha contribuito a rendere questa notazione più evidente. Quanto agli attori, accanto allo stesso regista nel ruolo di protagonista, una piacevole sorpresa italiana: Stefano Accorsi, trasformato nel marito della Ledoyen, un farmacista italiano residente a Parigi, sfoggia un quasi perfetto francese, che lo rende più accattivante del solito. Claudio, il suo personaggio, è schivo e abitudinario, ma ha una caratteristica che lo lega indissolubilmente a una delle possibili chiavi di lettura della pellicola: la passione per l'opera di Franz Schubert, nume tutelare di buona parte della colonna sonora e del finale del film, in cui a vincere sarà proprio il gesto "incompiuto", come il capolavoro del grande compositore. Vero e proprio colpo d'ala del film.

NOTE

- PRESENTATO ALLA 4. EDIZIONE DELLE 'GIORNATE DEGLI AUTORI - VENICE DAYS', VENEZIA 2007.

CRITICA

"Regia invisibile, mai una volgarità, soave Schubert in colonna sonora, attori ispirati e inusuale saggezza da vecchio maestro per un autore nemmeno quarantenne. Insolito e bravo Stefano Accorsi in un piccolo ruolo di pacata sofferenza. L'anno scorso è stato distribuito da noi il terzo lungo di Mouret 'Cambio d'indirizzo'. Ora vogliamo anche questo." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 5 settembre 2007)

"L'autore marsigliese, già noto per 'Cambio di indirizzo', non sa mai se prendersi sul serio o mimare i film di Woody Allen. Pessimista del cuore, più che altro propone un vaudeville snob in coppie che si rincorrono su fondali malinconici. La voglia è quella di stupire ma coi sentimenti e piena fiducia nella bugia. Ammirazione per le sorpresine dell'amore alla Marivaux-De Musset, aggiornate ai tempi in una commedia simpatica e di corto respiro." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 9 maggio 2008)

"Emmanuel Mouret imita Eric Rohmer e François Truffaut. Vasto programma per piccoli film dove i personaggi s'innamorano dell'amore, non di qualcuno. Ecco, dopo 'Cambio d'indirizzo', il più prevedibile 'Solo un bacio, per favore'. Come sempre nei film francesi, qui si racconta di adulteri, ma stavolta si finge la semifedeltà: ci si dà un bacio e poi basta... Però il 'baiser' può essere ben più del bacio e su questa ambiguità gioca il film. Mouret è il non seducente seduttore che incuriosisce Virginie Ledoyen, annoiata dal marito farmacista (Stefano Accorsi) che le preferisce Schubert." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 9 maggio 2008)

"Mouret (oltre che interprete, regista e sceneggiatore), 38 anni, considerato un Woody Allen francese, non superficiale, approfondisce la situazione con il timore di dover soffrire l'altro. Il suo quarto lungometraggio è un poco evanescente e cincischiato, ma brillante e divertente." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 9 maggio 2008)

"Commedia sentimentale alla francese (che più francese non si può), sul filo di una raffinatezza sempre sul punto di estenuarsi in tedio. 'Solo un bacio per favore', d'altronde, richiama subito alla mente gli apologhi giovanilistici di Rohmer che negli anni Ottanta divisero nettamente il pubblico tra deliziati ed esasperati ('Il raggio verde', 'Racconto di primavera', 'Un ragazzo... tre ragazze'). Anche nel caso di questo film, lanciato dalle Giornate degli Autori dell'ultima Mostra di Venezia, si tratta di un'operetta morale moderna intarsiata in punta di cinepresa sui tenui contatti tra diverse e diversamente riuscite storie d'amore. (...) Il comunissimo gesto, in quel caso, è stato foriero di gravi conseguenze, innescando un girotondo di sesso e amore, amicizia e tradimento che si è fatalmente arenato nelle sabbie mobili dei dilemmi di coscienza: il bacio iniziale, in pratica sospeso lungo i cento minuti del film, perde, così, le sue caratteristiche chimiche per diventare il perno su cui ruota l'eterno tema del desiderio e della frustrazione, della (finta) soddisfazione e della (umana) incompiutezza. Emmanuel Mouret, regista e protagonista, ha una faccia buffissima e movenze irritanti; la sua Judith è un'anonima Virginie Ledoyen; Stefano Accorsi, nella parte del farmacista italiano tradito, è più contenuto del solito; ma è l'intero cast, in effetti, a oscillare tra ironia e intelligenza, verbosità e vezzo." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 10 maggio 2008)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy