Sinister 2

USA - 2015
2/5
Sinister 2
Dylan e Zach Collins, due fratelli gemelli di 9 anni sono stati segretamente portati dalla madre iperprotettiva Courtney in una casa di campagna dell'Illinois. La casa si trova in un luogo sufficientemente isolato per stare alla larga da Clint, il marito da cui Courtney si è separata, che in passato ha abusato di lei e di Dylan. Ma questa madre protettiva non sa che la storia della casa è segnata da morti violente. Il vicesceriffo So & So, ora investigatore privato, ha capito che la casa in cui si è nascosta la famiglia ben presto si trasformerà nel luogo d'azione di Bughuul. Deciso a vendicare la tragedia di cui era a conoscenza quando lavorava come agente di polizia, l'investigatore So & So fa visita alla casa per distruggerla, pensando così di porre fine alla nefasta opera omicida di Bughuul. Quando trova Courtney e i gemelli, capisce che Clint li sta minacciando ed è deciso a intervenire per salvarli prima di sferrare un piano d'attacco contro Bughuul. Quello che Courtney e l'agente So & So non sanno è che Dylan è già sotto l'influenza dei bambini fantasma e dei loro "filmini" inquietanti, uno più spaventoso dell'altro...
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: HORROR
  • Produzione: BLUMHOUSE PRODUCTIONS, AUTOMATIK ENTERTAINMENT
  • Distribuzione: KOCH MEDIA-MIDNIGHT FACTORY
  • Vietato 14
  • Data uscita 3 Settembre 2015

TRAILER

RECENSIONE

di Gianluca Arnone
Avevamo apprezzato Sinister perché oltre a essere un buon horror , di quelli che fanno veramente paura, era anche un horror intelligente. Non succede spesso.
Scott Derrickson (regia) ed Ethan Hawke (produttore e interprete principale) avevano avuto la felice intuizione di far lavorare il film su più livelli: da uno puramente effettistico (i rumori, le apparizioni improvvise, le presenze inquietanti) a uno più profondo (l'unità di una famiglia messa in crisi dalle fragilità di un padre alcolizzato e ossessionato dal proprio lavoro) fino a un livello subliminale e riflessivo (era un film horror che diceva quanto fosse pericoloso vedere film horror).
Una stratificazione che sfortunatamente si perde nel sequel, operazione puramente derivativa che ricicla l'idea di partenza per lavorare solo - e male - sul primo livello, quello dell'effetto.
Nella casa in cui si era già consumata la tragedia dell'originale ritroviamo una donna (Shannyn Sossamon) con i suoi due figli, in fuga da un padre (e un marito) violento. I ragazzini sono uno timido fino all'eccesso e l'altro tutto suo padre, ovvero stupido e violento. Toccherà al primo trovare in cantina i famigerati 8mm che attestano l'influenza del Bughul (lo spirito maligno che prende l'anima dei piccoli) e all'altro restarne avvinghiato.
Di nuovo c'è che entrambi i bambini vedono e parlano con i loro coetanei già presi dal demonio, il che onestamente non ci è sembrata una grandissima idea: erano molto più inquietanti quando non parlavano. E poi a differenza del precedente, dove l'enigma veniva rivelato pian piano, qui sappiamo già tutto.
Tra i protagonisti ritroviamo anche il vice-sceriffo senza nome che si era occupato del caso nel capostipite. Altra scelta discutibile vista la penuria di fascino di James Ransone.
Produce manco a dirlo James Blunt, cui consigliamo un po' di vacanze.
Spiace trovare tra gli sceneggiatori Scott Derrickson che conferma dopo il pessimo Liberaci dal male la sua inquietante involuzione. La Marvel gli ha affidato Doctor Strange. Speriamo faccia in tempo a riprendersi.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy