Sideways - In viaggio con Jack

Sideways

USA - 2004
Sideways - In viaggio con Jack
Miles Faymond, insegnante di inglese divorziato e scrittore fallito con una fissazione per il vino, parte per una vacanza in compagnia del suo amico Jack, attore televisivo in procinto di sposarsi. La destinazione è la California e le sue vigne. Durante il viaggio, le differenze tra i due amici si manifestano immediatamente: l'esuberanza di Jack si contrappone all'eccessiva prudenza di Miles, il primo si accontenta di un vino a basso costo mentre l'altro va alla ricerca di un sofisticato Pinot. Jack vuole godersi i suoi ultimi giorni da scapolo, mentre Miles cerca solo un modo per distrarsi dalla sua depressione. Grazie al buon vino e a due belle donne, la loro vacanza diventerà indimenticabile a patto che trovino il modo per tornare a Los Angeles sani e salvi.
  • Durata: 123'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, DRAMMATICO, AVVENTURA
  • Tratto da: romanzo omonimo di Rex Pickett
  • Produzione: MICHAEL LONDON E GEORGE PARRA PER FOX SEARCHLIGHT PICTURES, MICHAEL LONDON PRODUCTIONS, SIDEWAYS PRODUCTIONS INC.
  • Distribuzione: 20TH CENTURY FOX (2005) - DVD: 20TH CENTURY FOX ENTERTAINMENT (2009)
  • Data uscita 16 Febbraio 2005

NOTE

- GOLDEN GLOBE 2005 COME MIGLIOR COMMEDIA E AD ALEXANDER PAYNE E JIM TAYLOR PER LA MIGLIOR SCENEGGIATURA.

- OSCAR 2005: MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE. IL FILM AVEVA AVUTO ALTRE 4 CANDIDATURE: MIGLIOR FILM, MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA (THOMAS HADEN CHURCH), MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA (VIRGINIA MADSEN), MIGLIORE REGIA (ALEXANDER PAYNE).

CRITICA

"Il tutto è raccontato con grazia e ironia, senza trascurare il rischio che la commedia si trasformi in dramma. Il film (nominato all'Oscar nella cinquina dei migliori) è tenuto in pugno con piglio sicuro da Payne (nominato per la regìa e il copione scritto con Jim Taylor) e gli attori sono deliziosi: Haden Church e Madsen nominati, ma il migliore in campo è l'escluso Giamatti." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 19 febbraio 2005)

"Candidato a cinque Oscar in categorie importanti, 'Sideways' è una tragicommedia un po' sopravvalutata, però dai molti piccoli pregi. A partire dalla metafora del vino: con cui Miles, manipolatore di parole, comunica agli altri uno stato di malessere che si vergognerebbe di esprimere in forma più diretta. Molto riuscito anche l'impasto di tenerezza e umanità, ironia e cinismo con cui il film osserva i suoi personaggi. Ma che, purtroppo, si va perdendo in una seconda parte più compiacente, nello sforzo di accontentare tutti. " (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 18 febbraio 2005)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy