SIAMO TUTTI IN LIBERTA' PROVVISORIA

ITALIA - 1971
SIAMO TUTTI IN LIBERTA' PROVVISORIA
Sollecitato dalla vedova dell'on. Aldo Virgizio, un deputato della maggioranza il cui corpo, fulminato da infarto, era stato ritrovato in una solitaria stanza d'albergo a Roma, il giudice Francesco Langellone - protagonista, con altri magistrati, di un non ancora sopito scandalo: la partecipazione a una cerimonia commemorativa del codice fascista Rocco - decide di riaprire il "caso", trovandovi un'ottima occasione per screditare la democrazia: la moglie di Virgizio, infatti, sospetta che il marito sia morto durante un'orgia. Vittima di questa decisione è un integerrimo impiegato del Ministero degli Esteri, Mario De Rossi, il cui numero di telefono era stato trovato tra le carte del morto. Dopo esser stato a lungo sorvegliato, il poveretto, non riuscendo a ricordare dove si trovasse la notte del decesso di Virgizio, finisce dapprima in carcere, poi, travolto dalla disperazione, in manicomio. Il commissario Panzacchi scopre che Virgizio non morì nella stanza d'albergo in cui fu ritrovato, ma in un'accogliente appartamento per "coppiette", attrezzato dalla moglie di De Rossi (una donna innamorata del marito, ma anche dei soldi) e gestito da un gangster. Scopre anche che la donna che si trovava quella notte con il deputato era l'insoddisfatta consorte dello stesso Langellone. Incurante dello scandalo, questi vorrebbe egualmente procedere: glielo impedisce però un velato ordine dei superiori, a loro volta succubi del potere politico.
  • Durata: 102'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: CROMOSCOPE TECHNICOLOR
  • Produzione: ZALES (ROMA) FIDEBROC (PARIGI) GEISSLER FILM PRODUCTION (MONACO)
  • Distribuzione: INDIPENDENTI REGIONALI
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy