Sfida senza paura

Sometimes a Great Notion

USA - 1971
Sfida senza paura
A Kernville, un paese dell'Oregon che vive con commercio di legname, i boscaioli stanno effettuando uno sciopero ad oltranza con gravi conseguenze finanziarie per tutta la popolazione. La famiglia Stamper fa eccezione poiché, forte della sua autonoma organizzazione a carattere aziendale, continua il lavoro e guadagna lautamente. A Kenville giunge Leland, giovane universitario, figlio di Henry Tamper e della sua seconda moglie, suicidatasi. Di mala voglia l'ultimo degli Stamper si unisce ai fratellastri e al cugino Andy, accompagnandoli al lavoro, prendendo coscienza nel frattempo della situazione di tensione e condividendo con la cognata Viv la condanna per la caparbietà e per l'asocialità dell'atteggiamento del resto della famiglia. Nonostante talune disavventure, gli Stamper continuano a lavorare, ma il crollo di un albero ferisce mortalmente Henry e uccide uno dei sui figli. Leland si prodiga inutilmente per salvare il padre e poi, insieme al fratellastro, mantiene la parola nel portare a destinazione un carico di legname.
  • Altri titoli:
    Never Give an Inch
    Le Clan des irréductibles
    Casta invencible
    Sie möchten Giganten sein
  • Durata: 103'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANAVISION, 35 MM (1:2.35) - TECHNICOLOR
  • Tratto da: romanzo "Sometimes a Great Notion" di Ken Kesey
  • Produzione: NEWMAN FOREMAN COMPANY, UNIVERSAL PICTURES
  • Distribuzione: CIC

NOTE

- PAUL NEWMAN FIGURA ANCHE COME PRODUTTORE ESECUTIVO.

- CANDIDATO ALL'OSCAR 1972 PER: MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA (RICHARD JAECKEL) E MIGLIOR CANZONE ORIGINALE.

CRITICA

"Assai originale come vicenda, e ambientato in un mondo del tutto desueto, questo film già si impone per i suoi aspetti documentaristici che la regia, conscia del loro interesse spettacolare, ha sfruttato a volte a scapito dell'economia ritmica e drammatica. Interessanti, inoltre, risultano i personaggi e l'approfondita analisi della loro strana concezione della vita. Ridotto a puro pretesto narrativo, invece, è il tema sociale dell'unità di azione necessaria fra i lavoratori di una medesima categoria". ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 73, 1972)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy