SETTE PISTOLE PER UN MASSACRO

ITALIA - 1967
Willi, un pistolero, torna al paese natio dopo dieci anni passati in galera sotto l'imputazione di omicidio e trova subito ostilità tanto nella popolazione quanto nella donna della quale era fidanzato. Ma lo consola il fatto che questa, diventata padrona del saloon, è rimasta fedele alla sua memoria e si mostra incline ad accettare la sua versione dei fatti. Però nel frattempo giunge sul posto anche un'accozzaglia di banditi che intende rapinare una corriera carica d'oro. Avendo sbagliato i calcoli, i banditi arrivano però anzi tempo e, per evitare sorprese al momento opportuno, imprigionano tutti gli uomini dopo avere ucciso chiunque abbia accennato a un'azione di resistenza. Willi, che tra l'altro ha scoperto come nella banda si celi il responsabile della sua ingiusta condanna, viene a sua volta selvaggiamente percosso e imprigionato. Liberato dall'amica, il pistolero riesce a impadronirsi del suo diretto avversario e a condurlo al paese vicino, ottenendo nel contempo di venire scagionato. Quando la diligenza attesa giunge nel paese, i banditi hanno la sgradita sorpresa di trovarla gremita di uomini dello sceriffo che li sterminano in uno scontro a fuoco.
  • Altri titoli:
    ADIOS, HOMBRE
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: WESTERN
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA EASTMANCOLOR
  • Produzione: UNITED PICTURES (ROMA) - COPERCINES (MADRID)
  • Distribuzione: REGIONALE - UNITED PICTURES

NOTE

TITOLO PER L'ESPORTAZIONE: HONDO SPARA PIU' FORTE

CRITICA

" Mario Caiano è un altro dei nostri registi che ha fatto la mano al western riuscendo a darci film di una certa pulizia e di accettabile contenuto spettacolare. (...) Questo (...) è, ad esempio, un film decoroso e abbastanza scorrevole, non privo di quegli elementi che fanno del western un genere sempre in voga. (...)". (Vice, "Il Resto del Carlino", febbraio 1968).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy