SETTE GIORNI ALL'ALTRO MONDO

ITALIA - 1936
Un industriale annuncia in famiglia la sua partenza per Oslo, mentre effettivamente si reca in Abruzzo presso una sua amica. Ma costei ha sposato un medico e la ridente fattoria abruzzese è trasformata in casa di salute. L'industriale, per non destar sospetti nel medico, è costretto a fermarsi e a farsi curare inesistenti mali. Quando può rientrare in casa trova che, in seguito ad un incidente ferroviario avvenuto sulla linea di Oslo, tutti lo ritengono morto. Irritatissimo egli non sa a qual partito appigliarsi quando può accertare che si tratta di una burla giuocatagli dalla moglie per punirlo dalla sua scappatella. Allora a sua volta egli capovolge la situazione fingendosi realmente vittima di un investimento ferroviario. Alla fine tutto è messo in chiaro e l'industriale sembra corretto dalla lezione ricevuta.

CAST

NOTE

METRI 1874.

CRITICA

"(...) Le trovate, piacevoli e continue, sono distribuite dal principio alla fine con un giusto movimento. I contrasti e i pretesti comici si rinnovano quasi ad ogni scena e Mattoli ha avuto l'astuzia di non soffermarsi a descrizioni ferme, ma di spingere la narrazione portando qua e là i suoi bravi interpreti. (...) Falconi ha interpretato da grande attore la sua parte, raggiungendo con una mirabile sincerità effetti comici in ogni scena. (...)". (F. Sarazani, "Il Giornale d'Italia", del 26.09.1936).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy