Senna

GRAN BRETAGNA - 2010
4/5
Senna
Storia di un mito della Formula Uno: Ayrton Senna. Il documentario ripercorre la carriera del pilota brasiliano - i primi successi nel campionato mondiale di kart alla fine degli anni 70, le imprese entusiasmanti che lo portarono in vetta all'Olimpo dell'automobilismo (vincerà tre Mondiali) negli anni 80 e 90, la storica rivalità sportiva con Alain Prost - ma offre anche molti aspetti della sua vita privata: l'impegno sociale e politico profuso in Patria, la religione, la famiglia. Le immagini di repertorio dei suoi primati sportivi si alternano alle testimonianze di colleghi e familiari, tracciando il profilo di un campione che ha trovato la morte troppo presto, a soli 34 anni, sotto gli occhi sbigottiti di milioni di spettatori, in un drammatico incidente durante il Gran Premio di San Marino, il 1° maggio 1994.
  • Altri titoli:
    Ayrton Senna: Beyond the Speed of Sound
  • Durata: 107'
  • Colore: C
  • Genere: BIOGRAFICO, DOCUMENTARIO, SPORTIVO
  • Specifiche tecniche: (1:1.85)
  • Produzione: WORKING TITLE FILMS, STUDIO CANAL, MIDFIELD FILMS
  • Distribuzione: UNIVERSAL PICTURES INTERNATIONAL ITALY (2011) BLU-RAY: UNIVERSAL
  • Data uscita 11 Febbraio 2011

RECENSIONE

di Marco Spagnoli
La mattina prima del suo ultimo Gran Premio a Imola, il 1° maggio 1994, Ayrton Senna, forse il più grande pilota che la Formula Uno abbia mai visto correre, aveva letto come d'abitudine la Bibbia per chiedere consiglio al Signore sul da farsi, ovvero se affrontare una corsa che, sulla carta, si presentava pericolosa per una serie di anomalie tecniche. Aprendo una pagina a caso, il campione brasiliano aveva letto: “Il più grande dono che Dio può fare è Dio stesso”. Confortato da quelle parole, il pilota 34enne si vestì e si diresse verso l'autodromo dove avrebbe incontrato il suo destino. Questa è solo una delle tante rivelazioni del documentario Senna, realizzato in occasione dei 50 anni, mai compiuti, di questo straordinario sportivo. Prodotto dall'inglese Working Title, la società alle spalle di grandi successi britannici come Notting Hill e Bridget Jones, Senna è diretto dal regista vincitore del Bafta, Asif Kapadia, utilizzando tutto materiale di archivio inedito, nonché filmini personali della famiglia del pilota.
Uno spettacolare puzzle di emozioni, adrenalina, colori, speranze e sogni infranti da cui emerge il ritratto di uomo amante della velocità, profondamente religioso e fieramente opposto alla sua nemesi, il campione francese Alain Prost. Un doc sui generis, perché dopo un quarto d'ora dall'inizio, il carisma e il magnetismo della personalità di Ayrton Senna parlano direttamente allo spettatore al punto da avere l'impressione di stare assistendo ad una storia di finzione, ricostruita perfettamente grazie a materiali di qualità e spettacolarità impressionanti. Un prodotto di grande qualità, espressione del cosiddetto “Cinema del reale”, da cui sarà conquistato anche il pubblico non interessato e non amante della Formula Uno: Senna, infatti, non è un documentario sportivo su un grande campione, ma il racconto della vita di un uomo nato per correre e per vincere che a Imola non ha trovato la sua fine, bensì l'inevitabile consacrazione di una leggenda.

CRITICA

"Non fatevi ingannare dal nome: Asif Kapadia, autore di 'Senna', è un inglese di origine indiana ed è uno dei più apprezzati registi di corti e documentari d'Oltremanica. La sua ricostruzione della vita di Ayrton Senna è visivamente eclettica, e molto parziale nel senso che Kapadia ama Senna, e come potrebbe essere altrimenti? Chiunque ami i motori ha nel brasiliano un idolo dolente, che se n'è andato troppo presto. In altre parole, un eroe. In Brasile, forse, un santo. Anche per il suo impegno sociale e politico, che il film racconta a fondo." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 11 febbraio 2011)

"Spiacerà anche ai tifosi di Senna, almeno a quelli che s'aspettavano da questa produzione britannica qualcosa di più della solita carrellata con filmati delle sue grandi vittorie. Perché Ayrton non fu solo un super nello sport, ma anche un personaggio fuori dagli autodromi, un avversario del 'sistema' (il grande business dell'industria dell'auto). Ben poco di questo aspetto si ritrova nel diligente documentario." (Giorgio Carbone, 'Libero', 11 febbraio 2011)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy