Seediq Bale

CINA, TAIWAN - 2011
2/5
Seediq Bale
Formosa, anni '30. Trecento valorosi guerrieri Seediq, sospendono le rivalità tra tribù per unirsi e combattere contro gli invasori giapponesi. Nonostante i moderni mezzi utilizzati dai loro nemici, i Seediq tireranno fuori il coraggio e lo spirito dei loro antenati e, armati solo di vecchi cannoni, lance e misere armi, si batteranno con tattiche di guerriglia difendendo la loro terra con dignità e onore.
  • Altri titoli:
    Warriors of the Rainbow: Seediq Bale
  • Durata: 135'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: ARS FILM PRODUCTION

RECENSIONE

di Federico Pontiggia
1895-1945, Taiwan è sotto la dominazione giapponese: accanto alla maggioranza di cinesi Han, nelle zone montagnose risiedono delle tribù aborigene, attaccate alle proprie tradizioni, gli spazi di caccia e gli antenati. Soprattutto, gli antenati: scoccata l'ora estrema, avrebbero guidato gli spiriti di questi eroi della tribù (Seediq Bale) attraverso un arcobaleno fino alla vetta della montagna…
Sul monte Chilai, uno dei capi, il più rappresentativo, è Mouna Rudo: nel 1930 si coalizza con altre tribù per ribellarsi al giogo nipponico, reo di aver violato la cultura, la religione, l'educazione e la dignità stessa dei Seediq . L'attacco alla cittadina di Wushe è fulmineo, ben pianificato e sanguinario: a terra rimangono ufficiali, poliziotti e gente comune, travolti dalla furia di questi guerrieri tatuati, destinati a marciare vittoriosi sul ponte dell'arcobaleno. Ovvero, a morire in battaglia o – soprattutto, le donne e i bambini - suicidi, perché la risposta nipponica non lascerà loro scampo: aerei col gas tossico, cannoni e migliaia di soldati a fronte dei 300 o poco più guerrieri Seediq.
Missione suicida, dunque, e non solo per gli annali della storia: il kolossal del taiwanese - già recordman al box office nazionale con Cape No. 7 - Wei Te-Sheng Seediq Bale (Warriors of the Rainbow) è uno sgangherato carrozzone, che insieme alla noia e altri sentimenti inconfessabili suscita tenerezza e simpatie terzomondiste, almeno per la fattura. Perché sono 25 i milioni di dollari di budget, ma si fatica a vederli: gli effetti speciali (chiamiamoli così) sono da Commodore 64, il CGI fa rimpiangere la cartapesta dei peplum, mentre poeticamente e stilisticamente si trova la crasi ipotecnologica di Avatar e Apocalypto
Sventato più che coraggioso, dunque, l'inserimento in concorso di Venezia 68, perché c'è un altro problema: questi Seediq Bale, prevalentemente interpretati da non professionisti, quali il possente e stolido Lin Ching-Tai di Mouna Rudo, lottano, uccidono, barcollano ma non mollano mai, con uno spirito guerrafondaio degno di altri Reich. Insomma, empatia e immedesimazione sono lontani anni luce: complice il mix di action e lirismo canterino, stasi “psicologica” e  furore maschio (e un filo sessista-paternalista), il rischio conclamato è di ritrovarsi a fare il tifo per l'estinzione dei Seediq Bale.

NOTE

- TRA I PRODUTTORI ESECUTIVI FIGURA ANCHE JOHN WOO.

- IN CONCORSO ALLA 68. MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2011).

CRITICA

"Delude invece il secondo film della competizione, 'Warriors of the Rainbow' di Wei TeSheng, che in due ore e mezza racconta un epico episodio del XX secolo, poco conosciuto anche a Taiwan, dove è ambientata la pellicola. (...) Tra decine di teste mozzate, canti e battaglie è difficile appassionarsi a una storia che a dispetto delle ambizioni non riesce a trasmettere la passione e il dolore dei protagonisti, la grandiosità di una vicenda che alla parola fine continua a restarci estranea." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 2 settembre 2011)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy