Se chiudo gli occhi non sono più qui

ITALIA - 2013
3/5
Se chiudo gli occhi non sono più qui
L'adolescente Kiko vive in Friuli con la madre filippina Marilou. Suo padre è morto, e ora la mamma ha un nuovo compagno, Ennio, che recluta e sfrutta lavoratori clandestini. Kiko, si sente diverso dai suoi coetanei; frequenta la scuola, dove talvolta le sue origini asiatiche gli procurano problemi di razzismo da parte di alcuni compagni, e per aiutare la famiglia è costretto a lavorare nei cantieri edili di Ennio. C'è solo un posto dove Kiko si sente tranquillo: Saturno, un vecchio autobus abbandonato che lui ha trasformato in un rifugio. Poi un giorno Ettore, un vecchio amico di suo padre, riesce ad accendere in Kiko l'interesse per un sapere completamente diverso da quello che viene insegnato a scuola. Kiko trova così la forza per ribellarsi fino a quando, però, le cose si complicheranno e lui si troverà a dover fare delle scelte decisive...
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 2K
  • Produzione: VITTORIO MORONI PER 50N CON RAI CINEMA
  • Distribuzione: MAREMOSSO IN COLLABORAZIONE CON LO SCRITTOIO
  • Data uscita 18 Settembre 2014

TRAILER

RECENSIONE

di Massimo Giraldi
Esordiente nel 2004 con Tu devi essere il lupo, Vittorio Moroni ha poi diretto Le ferie di Licu (2006) e Eva e Adamo (2009) ed arriva ora al quarto titolo, che lo conferma regista attento a ritrarre un piccolo mondo contemporaneo fatto di realtà e fiaba. Siamo in Friuli, oggi. Dopo la morte del  padre, l'adolescente Kiko vive con la madre filippina Marilou e il nuovo compagno di lei, Ennio, che sfrutta lavoratori clandestini. A scuola qualche compagno lo prende in giro per le sue origini asiatiche e alla fine il ragazzo è costretto a lavorare nei cantieri di Ennio. Quando si rifugia dentro un vecchio autobus abbandonato, Kiko ritrova tranquillità, e qui conosce Ettore, vecchio amico del padre, che gli apre un modo inatteso di studiare e conoscere. Così Kiko si prepara ad affrontare l'età adulta. Per muoversi (e sopravvivere)  nell'attuale, dura cronaca talvolta scappare nella favola è utile: serve a riordinare le idee, a capire meglio le situazioni, a prendere le giuste distanze dalle emozioni. Come in precedente, ma qui con maggiore consapevolezza, Moroni dirige una fiaba dei giorni nostri, scandita nei problemi che affollano giornali e televisioni, eppure ravvivata dal soffio di una possibile salvezza, di un lieto fine da scrivere e vivere. Giorgio Colangeli arricchisce con disincanto il personaggio di Ettore, un po' sopra le righe Beppe Fiorello (Ennio).

NOTE

- REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON: FVG FILMCOMMISSION, BLS SUDTIROLALTOADIGE, FRANCESCA PICCHI, MASSIMO MAGGIORE, SOUNDART, LO SPECCHIO.

- IN CONCORSO ALLA VIII EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA (2013) NELLA SEZIONE 'ALICE NELLA CITTÀ'.

CRITICA

"Vittorio Moroni è stato pluripremiato sia come regista che come sceneggiatore. Questo è il suo quarto film. Conferma di possedere una visione personale, ma la 'sovrabbondanza di stile' non corrisponde all'armonia dell'esito." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 18 settembre 2014)

"Diretto da Vittorio Moroni, cosceneggiatore di 'Terraferma' e 'Razzabastarda', il film 'Se chiudo gli occhi non sono più qui' riflette sul tema del perdono e su un'umanità alla ricerca di fratellanza, con gli occhi puntati al cielo per osservare l'immensità nella quale siamo immersi." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 19 settembre 2014)

"Vincitore per la sceneggiatura del premio Solinas, il nuovo lavoro di Moroni conferma la sensibilità di quest'autore verso l'attualità con particolare attenzione alle istanze adolescenziali/giovanili, specie laddove s'insinuano diversità di svariata forma. Tocco delicato ma indubbia forza immaginativa, indipendente e realizzato in 5 anni di duro lavoro. Da vedere e sostenere." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 25 settembre 2014)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy