Rubare alla mafia è un suicidio

Across 110th Street

USA - 1973
Tre uomini di colore, Henry Jackson, John Logart e Jim Harris, rapinano l'incasso settimanale di un'organizzazione criminale che opera nella zona di Harlem, diretta al vertice dai bianchi, affidata localmente ai neri. Deciso a vendicare lo sgarbo, che potrebbe compromettere il prestigio e la supremazia dei primi, il più importante boss della mafia newyorkese affida al genero Nick Di Salvio il compito di scovare ad ogni costo i responsabili della rapina. Contemporaneamente, sulle loro tracce si muove anche la polizia, nelle persone del tenente di colore William Pope e del capitano Frank Martelli, un ufficiale della vecchia guardia, duro e razzista. Nella caccia ai rapinatori, il nevrotico e crudele Di Salvio sembra avere la meglio sugli agenti. Uccisi Jackson e Logart, però, egli e i suoi uomini cadono sotto il piombo di Harris. Inseguito dagli agenti, che hanno scoperto il suo rifugio, costui riesce per qualche tempo a tener loro testa, finchè Pope non lo uccide. Anche Martelli muore, colpito a distanza da un mafioso di colore appostato sui tetti.

CAST

NOTE

- REVISIONE MINISTERO DICEMBRE 1997.

CRITICA

"Discreto, anche se ben poco originale poliziesco a tutta birra, che scava nei bassifondi di New York senza approfondire i caratteri dei personaggi, quasi tutti contraddistinti da una ferocia inaudita, né tantomeno i conflitti razziali, confinati sullo sfondo. Ma allo spettatore, ovviamente, preme di più la conta dei cadaveri di tutti i blabla sociologici". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 25 gennaio 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy