RESURREZIONE

RESURREZIONE
Un nobile e giovane ufficiale russo seduce una sua compagna di infanzia, figlia di contadini, e, trasferitosi per ragioni di servizio a Pietroburgo, dimentica completamente la sua avventura. La fanciulla allontanata dalla nobile casa in seguito alla sua maternità, per non morire di fame, dopo la perdita della sua creatura, finisce negli ambienti più malfamati. Un giorno il giovane fungendo da giurato in tribunale deve giudicare la sua antica compagna implicata in un fosco dramma di prostituzione. Convinto della innocenza di lei non riesce tuttavia a persuadere la corte la quale condanna la ragazza alla deportazione in Siberia. Il giovane sentendosi unicamente responsabile della rovina morale e fisica di lei cerca invano, attraverso tutte le sue più alte aderenze, di ottenere giustizia. Alla fine, ossessionato dal rimorso, rompe il suo fidanzamento con una nobile signorina rinuncia alla propria carriera e segue la ragazza, per condividere con essa, in espiazione, la triste pena.
  • Durata: 90'
  • Colore: B/N
  • Tratto da: TRARTTO DALL'OMONIMO ROMANZO (VOSKRESENIE) DI LEONE TOLSTOI
  • Produzione: MARIO BORGHI PER INCINE- SCALERA FILM
  • Distribuzione: SCALERA FILM
  • Vietato 16

NOTE

SCENEGGIATORI NON ACCREDITATI: ITALO CREMONA, GIAN PAOLO CALLEGARI E FLAVIO CALZAVARA.

CRITICA

"[...] Tutto poteva essere vivificato dalla presenza di un'attrice. Ma l'attrice non c'è. Doris Duranti, all'inizio, come prostituta ha infatti alcuni accenti torbidi e vacui, assenti, di una contenuta ed indubbia efficacia, poi alla Màslova giovinetta e alla Màslova carcerata, non sa dare le indispensabili vibrazioni. [...]". (M. Gromo, "La Nuova Stampa", 30/11/1945).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy