RE BURLONE

ITALIA - 1935
Riduzione cinematografica dell'omonimo romanzo di Rovetta. Sullo sfondo storico della corte del Re Francesco II, (con conseguenti episodi dell'inaugurazione della linea ferroviaria Napoli-Gaeta dell'agitazione nascosta dei liberali, delle visioni di Caserta e della celebre Reggia), si svolge una trama romantica. Una fanciulla raggiunta la maggiore età, viene a conoscere di essere figlia di un giustiziato politico e cospira per vendicare la memoria del padre. Il complotto, cui si associano ufficiali e alti dignitari di corte, giunge vicinissimo al trono e tende ad un rapimento del re poiché, lontano dagli intrighi e posto a contatto con il suo esercito, possa rendersi conto della giustezza e legittimità della costituzione richiesta. Il complotto è sventato in tempo e i due ufficiali più implicati, (uno dei quali è fidanzato con la fanciulla) vengono condannati alla fucilazione. Evasi la mattina stessa dell'esecuzione, con la tacita connivenza dei guardiani, raggiungono a cavallo il confine dello stato pontificio, accompagnati dalle proprie fidanzate. Tutto questo dà modo di approfondire l'anima scaltra eppure ingenua, bonaria eppure inflessibile del Re burlone, inframmezzando battute più o meno storiche dell'ameno Sovrano.

CAST

NOTE

IN UN PRIMO TEMPO IL FILM VIENE ANNUNCIATO: DIRETTO DA GENNARO RIGHELLI CON LA SUPERVISIONE DI ENRICO GUAZZONI, POI LA REGIA VIENE DEFINITIVAMENTE AFFIDATA A QUEST'ULTIMO.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy