RAPTUS

ITALIA - 1969
Franco Adami, appartatosi in un casolare con Mirella, prostituta diciassettenne, in un momento di "raptus" la ferisce per ritrarla cosparsa di sangue sul corpo nudo; ma, fuggendo inorridito per la propria impresa, ne provoca la morte per dissanguamento. Denunciato da Garavino, un guardone che ha assistito alla scena ed è a sua volta fuggito inorridito, Franco viene malaccortamente difeso dall'avv. D'Orazio e rischia l'ergastolo. Contro l'assassino finisce per pesare notevolmente il quotidiano locale, diretto da Giorgio Tavani. A questo punto la difesa viene assunta dall'anziano e anticonformista avv. Montani che convince delle proprie tesi il Tavani conducendolo al Manicomio Giudiziario provinciale ove il Direttore illustra diversi casi di patologia criminale. Il nuovo atteggiamento del giornale e la linea di difesa del Montani, portano all'incriminazione di Franco per omicidio preterintenzionale e al suo ricovero in manicomio.
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: COLORE TECHNOSTAMPA
  • Produzione: KIK FILM (BOLOGNA), CROWN FILM (ROMA)
  • Distribuzione: KIK FILM
  • Vietato 18

NOTE

IL FILM, PRESENTATO AL PUBBLICO NEL 1969 COL TITOLO EROS E THANATOS FU IMMEDIATAMENTE SEQUESTRATO.

CRITICA

"Il regista di Eros e Thanatos ha inteso, con la sua pellicola, spezzare una lancia per gli omicidi sessuali, che egli ritiene sempre piu' di competenza dello psichiatra che non del giudice [...]". ("King Cinema")
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy