Rage

GRAN BRETAGNA, USA - 2009
Rage
Uno studente registra con la videocamera del suo telefono cellulare una serie di interviste agli impiegati di una casa di moda di New York, in cui viene messa in luce la grave crisi che sta attraversando l'azienda. Il giovane decide di postare le interviste sul web, ma il suo gesto provocherà una serie di drammatiche situazioni ...
  • Durata: 99'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: D-CINEMA 35 MM (1:1.85)
  • Produzione: ADVENTURE PICTURES, VOX3 FILMS

NOTE

- IN CONCORSO AL 59. FESTIVAL DI BERLINO (2009).

- A PARTIRE DAL 27 SETTEMBRE 2009 IL FILM VIENE DISTRIBUITO IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, REGNO UNITO DA BABELGUM SUGLI SMARTPHONE IN PILLOLE DI 10-15'.

CRITICA

"Sospiri di sollievo hanno accolto le ultime scene del soffocante 'Rage' di Sally Potter, altro bel nome di una volta. Un falso documentario sul mondo della moda newyorkese girato da un invisibile bambino che intervista stilisti, giornaliste, guardie del corpo, modelle etc., per poi mettere tutto sul Web fino a provocare una rivolta dei baby-consumatori. Colorato e brillante quanto ammiccante e ripetitivo (inquadrature fisse, sfondo monocromo, sguardo all'obiettivo). Con molti bei nomi, da Judi Dench a Jude Law nei panni finto-provocanti di un trans. Film-denuncia, dice l'autrice. A noi sembra un autogol." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 9 febbraio 2008)

"Quando non si hanno i mezzi per un film, perché girare una serie d'immagini fisse e sostenere che formano un film? Cinema. è movimento, ma qui a muoversi sono solo i testoni degli interpreti, che uno alla volta occupano tutto lo schermo per quasi due ore. In questa penuria, serve a poco disporre di un buon testo e nomi noti, come Jude Law (truccato da donna), Judi Denchi e Steve Buscerni (truccati da loro stessi)." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 9 febbraio 2009)

"Il film, certo monotono quanto il suo ripetitivo soundtrack di urla militaresche da manifestazioni anti global, ha molto irritato la stampa più ingenua, a giudicare da pallini e stellette di gradimento, ma sarebbe anche piaciuto molto a Dereck Jarman sia per quella sua aria da 'Test Screen' di Andy sia perché non vuole rispondere a tutti i perché, sia per aver scandalizzato Lee Marshall di 'Screen' che chiede a gran voce la revoca dei finanziamenti pubblici a oscenità simili, già pregustando un bel governo conservatore."(Roberto Silvestri, 'Il Manifesto', 10 febbraio 2009)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy