Ragazzi fuori

ITALIA - 1990
Ragazzi fuori
Dopo alcuni anni, dal carcere minorile di Palermo escono alcuni giovani piccoli criminali: Antonio, padre di due bambini, venditore abusivo e spacciatore di droga per caso, costretto un giorno a vedersi requisire la merce e il furgoncino; Natale, condannato per aver vendicato il padre, cerca lavoro ma, nonostante l'interessamento del fratello Salvatore, non lo trova per il suo passato; Mery, il travestito, in attesa di processo, si prostituisce e vive con un altro come lui e non ne vuole sapere di smettere la sua squallida vita anche se sua madre cerca di farlo ravvedere e un'assistente sociale vorrebbe aiutarlo. Inoltre c'è Claudio che, trovata all'uscita dal carcere a Napoli la fidanzata Vita, con lei torna a Palermo ed è costretto a sposarsi poiché la ragazza è incinta. Tutto andrebbe bene a Claudio, col suo lavoro di meccanico, se a cercarlo non venisse Carmelo, ex compagno di prigione, per picchiarlo a sangue per uno sgarbo subito nel penitenziario. Tra costoro, che vivono di espedienti, di piccoli affarucci poco puliti, di furtarelli, c'è anche il giovane King Kong il quale, sorpreso da una pattuglia a rubare un'autoradio, viene inseguito per lungo tempo da un poliziotto...
  • Altri titoli:
    Boys on the Outside
    Chicos de la calle
    Überleben in Palermo
    In den Straßen von Palermo
    Les garçons de la rue
  • Durata: 110'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: (1:1.85)
  • Produzione: CLAUDIO BONIVENTO PER NUMERO UNO INTERNATIONAL, RAIDUE
  • Distribuzione: FILMAURO - CREAZIONI HOME VIEDO

NOTE

- OSELLA D'ARGENTO ALLA 47MA MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (1990)

- DAVID DI DONATELLO 1991 PER MIGLIOR REGIA (MARCO RISI, EX AEQUO CON RICKY TORGNAZZI PER "ULTRÀ") E MIGLIOR PRODUTTORE (CLAUDIO BONIVENTO). LE ALTRE CANDIDATURE ERANO: MIGLIOR MONTAGGIO E FONICO DI PRESA DIRETTA

- CANDIDATURE AL NASTRO D'ARGENTO 1991: REGISTA DEL MIGLIOR FILM (MARCO RISI), MIGLIORE SOGGETTO E ATTORE NON PROTAGONISTA (ALFREDO LI BASSI, FRANCESCO BENIGNO, MAURIZIO PROLLO, ROBERTO MARIANO, ALESSANDRA DI SANZO).

CRITICA

"I pregi del film sono di regia, di buona direzione dei non attori che risultano efficaci e credibili; i difetti son di retorica ricattatoria." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa')

"Cifre violentissime, un ritratto crudele. Con molti eccessi tra cui quello di chiamare in causa solo lo stato. Susciterà consensi e polemiche." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo')

"Il film più difficile di Marco Risi, dare un seguito a 'Mery per sempre' non era impresa da poco, e l'operazione non può dirsi riuscita. Fuori dal carcere, i ragazzi ritornano delinquenti da strada, e la narrazione indugia su particolari che non sembrano indispensabili. Qualche pagina di grande forza, qualche sospetto di compiacimento." (Francesco Mininni, 'Magazine Italiano tv')

"Finalmente un film italiano scomodo che mette i piedi nel piatto. Divide i critici, indispettisce i politici, scandalizza i benpensanti. Il giovane regista di 'Mery per sempre' ha fatto anche questa volta un film duro, sanguigno, vero." (Laura e Morando Morandini, 'Telesette')

"E' un crudo film di denuncia su una realtà di estremo degrado. La fotografia e l'ambientazione sono notevoli; la musica, arabeggiante di sottofondo, è suggestiva." ('Segnalazioni Cinematografiche', vol. 109, 1990)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy