Quel fantasma di mio marito

ITALIA - 1950
Quel fantasma di mio marito
Gianni Alberti, laureato in agraria, fa il giornalista contro voglia e con poco zelo, tanto che un brutto giorno viene licenziato dal giornale ma la sua giovane e dinamica moglie, Vivia, tanto s'adopera e tanto fa che riesce a farlo riassumere. Anzi il direttore, per levarselo dai piedi, lo manda come inviato speciale in Palestina. Vivia, che da parte sua sta lanciando una casa di mode, ne è felice e consiglia al marito di fare in modo che lo si creda perito in qualche impresa rischiosa, per poi ricomparire, dopo un certo tempo, con l'aureola dell'eroe redivivo. Quando giunge la notizia che Gianni è morto, Vivia finge di esserne disperata, mentre in cuor suo esulta. Ma all'improvviso il marito le riappare e lei stenta a comprendere che si tratta del suo spirito, staccatosi dal corpo per un incidente capitatogli, mentre cercava d'inscenare la sua finta morte. E quando Gianni, restituito alla vita da energiche cure, ritorna veramente in vita Vivia stenta a crederlo vivo. Ma ormai la giovane donna è guarita dalle sue ambizioni, ha dimenticato i suoi sogni e sarà lieta d'andar a vivere in campagna col marito e la bimba nata dal loro amore.
  • Durata: 95'
  • Colore: B/N
  • Genere: FANTASY
  • Produzione: FERDINANDO BRIGUGLIO PER BRIGUGLIO FILM
  • Distribuzione: BRIGUGLIO FILM (1951)

CRITICA

"Uno spettacolo brillante, tenue e soprattutto onesto (...). Si scorge (...) dietro il velato humor, un roseo romanticismo fatto di toni lievi, di tinte sfomate, gioiosamente nostalgico (...). Un Walter Chiari (...) in perfetta forma". (U. Bosello, "Hollywood", n. 325 del 1951).

"La vicenda parte da uno spunto felice ma la realizzazione non è sempre adeguata all'argomento." ('Segnalazioni cinematografiche', vol 27, 1950)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy