QUEL BANDITO SONO IO

ITALIA - 1949
Leo, capo d'una banda di malfattori e falsi monetari napoletani, recatosi alla banca per tentare di spacciare una banconota falsa, scopre nel cassiere il proprio sosia. Di tale circostanza si valgono i seguaci di Leo per mandare al cassiere, Antonio Pellegrini, uomo tranquillo e mite, una lettera minatoria, che gl'impone di versare due milioni. La lettera appare firmata da un altro bandito, "Faccia d'Angelo", rivale e nemico di Leo, e attualmente in carcere. Antonio, spaventatissimo, accetta l'ospitalità dell'avv. Catoni, che lo nasconde insieme alla di lui moglie, Dorothy, un'inglese, ed al figliolo in una sua villa. Dorothy, che l'avvocato corteggia, passa per sua moglie, e Antonio per il servitore. Leo, fingendosi Antonio, va alla banca e riesce a compiere un ingente furto. Si svolgono vari episodi tragicomici, complicati dalla presenza di "Faccia d'Angelo", evaso dal carcere per vendicarsi di Leo, che gli ha rubato l'amante. Infine Leo e "Faccia d'Angelo", vengono arrestati e Antonio può ritornare a casa sua.

CAST

NOTE

MUSICA DIRETTA DA FRANCO FERRARA.

CRITICA

"La trama è banale e priva di originalità; il lavoro manca di pregi artistici, ma è diretto con mano esperta". (Anonimo, "Segnalazioni Cinematografiche", Vol. XXVII, del 1950).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy