Quei bravi ragazzi

Goodfellas

USA - 1990
Quei bravi ragazzi
Henry Hill, nato da madre siciliana e padre irlandese, ancora adolescente entra a far parte della "piccola mafia" dei quartieri bassi di New York. Lì un potente irlandese, James Conway, inizia a proteggerlo e lo introduce in una banda specializzata in furti, estorsioni e contrabbando, che presto diventa la sua vera famiglia, in cui i componenti usano chiamarsi fra loro "bravi ragazzi". I suoi capi, James Conway, Tommy DeVito e Paul Cicero, ai quali ubbidisce senza discutere, gli dimostrano presto di essere capaci di uccidere ferocemente. Soprattutto Tommy, apparentemente così bonario, si trasforma spesso in un maniaco sanguinario, pronto ad ammazzare non solo i nemici, ma anche un malcapitato cameriere, che lo ha irritato. Henry, al quale non viene ordinato di uccidere, non si pone problemi di coscienza, soddisfatto di sentirsi qualcuno e di ricevere molti soldi. Quando si innamora, ricambiato, di una brava ragazza, Karen, la sposa senza rivelarle qual è realmente il suo mestiere. Dopo la nascita di due bambine, fra i coniugi inizia una crisi, perché Henry ha un'amante, Janice Rossi. Però alla fine prevale l'amore per Karen, che lo perdona anche se spesso si trova costretta ad essere sua complice. Quando la banda passa al traffico della droga, i bravi ragazzi sono costretti ad effettuare molti assassinii. Henry viene arrestato e, alla sua scarcerazione, capisce che gli amici vogliono eliminarlo, perché lo ritengono pericoloso. Essendo stati già uccisi Tommy e Paul, ad Henry, terrorizzato, non resta che affidarsi all'FBI e rivelare in un processo tutto ciò che sa. Poi l'FBI lo fa dileguare sotto altro nome insieme alla famiglia, per salvarlo dalla vendetta della mafia.
  • Altri titoli:
    GoodFellas
    Wise Guy
  • Durata: 145'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM
  • Tratto da: libro "Wise Guy" di Nicholas Pileggi
  • Produzione: IRWIN WINKLER PER WARNER BROS. PICTURES
  • Distribuzione: WARNER BROS. ITALIA (1990) - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI)

NOTE

- CANZONI: "PARLAMI D'AMORE MARIÙ", CANTATA DA GIUSEPPE DI STEFANO, "IL CIELO UN UNA STANZA" DI MINA, "ROSES ARE RED" DI PAUL EVANS, "AIN'T THAT A KICK IN THE HEAD" DI SAMMY CAHN E JIMMY VAN HEUSEN, "GIMME SHELTER", "MEMO FROM TURNER" E "MONKEY MAN" DEI ROLLING STONES, "UNCHAINED MELODY" DI ALEX NORTH, "MAGIC BUS" DEGLI WHO.

- OSCAR 1990 A JOE PESCI COME MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA.

- LEONE D'ORO A MARTIN SCORSESE ALLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 1990.

CRITICA

"Fin dalla sequenza di apertura la presenza della morte violenta incombe nei modi più efferati. Tutto è raccontato, specialmente nella splendida seconda parte, a un ritmo forsennato, efficacemente compendiato nei titoli di testa che scorrono al rombo di automobili in corsa "Quei bravi ragazzi" non è un romanzo ma una relazione cinica". (Morando Morandini, "Il Giorno")

"Sangue e orrori, atrocità e violenze, ma un prodigio di tecniche: per esaltare il cinema". (Gian Luigi Rondi, "Il Tempo")

"Il film rappresenta una completa riuscita e un esempio di maestria cinematografica. Robert De Niro, in una parte secondaria, è meno smorfioso del solito, ma è anche più distratto; Joe Pesci come boss paranoico, è strepitoso". (Lietta Tornabuoni, "La Stampa")

"Questa vicenda narrata da Scorsese con la solita abilità tecnica è sostenuto efficacemente anche dalla colonna sonra basata su canzoni dell'epoca. Il motivo dominante del film è una violenza portata all'esasperazione. (...) Gli orrori dei crimini sono alternati agli affettuosi rapporti familiari o amichevoli dei personaggi, creando un aspetto di cronaca in una storia comune di mafia, basata su stereotipi. Anche se non si può parlare di apologia, non si tratta certo neppure di una denuncia: la giustizia è sempre assente; i poliziotto sono corrotti; il protagonista si salva con la delazione; la famiglia che ha retto finché Henry è stato un gangster, si sfascerà, quando non lo sarà più. L'inizio del film è realizzato ottimamente, ma presto il lavoro scade, essendo ripetitivo ed enfatico. Bella la fotografia di Michael Ballhaus, e bravi alcuni interpreti, specie i caratteristi." (Segnalazioni Cinematografiche, vol. 109, 1990)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy