Qualcuno da amare

Untamed Heart

USA - 1993
Qualcuno da amare
Caroline fa la cameriera in un fast food di Minneapolis. Sembra un tipo estroverso, ambizioso ed intelligente. Ama intrattenersi con i clienti e discute in continuazione con la sua compagna di lavoro Cindy. Ma la sua aria sfrontata è solo un'apparenza. Adam, che lavora nello stesso fast food, è innamorato di Caroline. E' un ragazzo gentile, ma un po' strano, che ammira timidamente Caroline, mentre si muove nel ristorante. Ogni sera la segue furtivamente fino a casa per essere sicuro che vi giunga sana e salva. Ma è troppo timido per dirle quello che prova per lei. Adam ha un segreto, che lo fa stare a distanza dagli altri. Ma Caroline non è come gli altri. Sa molto sui cuori infranti e quello di Adam ha bisogno di essere curato.
  • Durata: 102'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: NORMALE
  • Produzione: TONY BILL - HELEN BUCK BARTLETT
  • Distribuzione: UIP - MGM HOME ENTERTAINMENT (GLI SCUDI)

CRITICA

"Poca vitalità, pochi slanci. La regia di Tony Bill, che pure aveva diretto amabilmente 'My Bodyguard' e che, nel suo passato di produttore, ha addirittura La Stangata, sette volte premio Oscar, ha seguito stancamente la vicenda, scritta per lui da un esordiente, Tom Serchio, e ne ha tratto a fatica elementi per interessare e coinvolgere. (?) Privi di carismi, e perciò di possibilità di convincere, anche gli interpreti: il giovane cardiopatico è Christian Slater, intravisto anni fa nel 'Nome della Rosa'; ha l'aria gentile, modi garbati, una mimica anche abbastanza contenuta, ma gli manca del tutto l'incisività, fino ad apparire slavato. Marisa Tomei, al suo fianco, tenta di imporsi con un po' di brio in più (come in 'Mio cugino Vincenzo', lo ricordate), ma, come personaggio, rischia soltanto lo stereotipo. E la si dimentica subito." ('Il Tempo', 7 giugno 1993)

"Ed ecco che 'Qualcuno da amare', sorta di melodramma metropolitana e proletario, allude delicatamente al disagio esistenziale e il "cuore ribelle" del titolo originale (Untamed heart) diventa una metafora del disagio giovanile. La regia ne è cosciente e gioca tutte le sue carte in un finale drammatico, tirato allo spasimo, nel quale le emozioni esplodono e la stessa morte appare come un quieto divenire. Come già per Scelta d'amore, storia simile interpretata da Campbell Scott e Julia Roberts, l'acerba sensibilità dei protagonisti ha un aspetto determinante del film: Christian Slater, al suo primo ruolo serio, ha uno sguardo trasversale assai inquietante e una espressività monosillabica interessante." (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 7 giugno 1993)

"E' una love story degli Anni '90 e si svolge una caffetteria di Minneapolis dove la camerierina Caroline, divisa rosa e scarpe da tennis, incontra il grande amore nella persona del timido sguattero Adam. (?) Più noto come produttore ('La stangata', 'Taxi Driver') che come regista, Tony Bill ha girato di routine la vicenda senza eccedere nel registro strappalacrime. Teneri e adeguati Christian Slater e Marisa Tomei, recentemente laureata con l'Oscar." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 7 giugno 1993)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy