Puro siccome un angelo papà mi fece monaco... di Monza

ITALIA - 1969
Ascoltato il parere dei suoi consiglieri, il principe di Licordia nomina il primogenito Alfonso erede di tutti i suoi averi, mentre costringe il figlio cadetto, Nunzio, a ritirarsi in un convento di frati laici, a Monza. Cresciuto dal suo precettore nell'ignoranza più completa sul sesso e sulle donne, Nunzio, nominato priore, attira la bramosia di un'educanda, la contessina Camilla, che cerca in tutti i modi di sedurlo. Mirando a farsi cacciare dal convento - per la cui vita non ha una vocazione - Nunzio intanto ha incominciato a inimicarsi i frati privandoli dei ricchi pasti a cui erano avvezzi. Per vendicarsi di lui essi decidono allora di favorire Camilla nel suo intento. Introdotta nottetempo nella cella di Nunzio, la contessina lo seduce; a quell'incontro altri ne seguono, finché un giorno la donna partorisce un maschietto. Giunta finalmente l'occasione di liberarsi di Nunzio, i frati lo denunciano all'Inquisizione, che lo condanna ad essere murato vivo, ma con diritto ai pasti. Passati cinquant'anni, il cardinal Borromeo gli concede la grazia e Nunzio che si è mantenuto giovane ritrova Camilla anch'ella, per virtù d'amore, ancor fresca e splendente.
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA, EASTMANCOLOR
  • Produzione: GIANNI BUFFARDI PER FEDEMA CINEMATOGRAFICA
  • Distribuzione: D.C.I. - AVO FILM
  • Vietato 14

CRITICA

"Scollacciata commediaccia erotica in costume, e più spesso senza per la seducente Igli Villani, diretta dal poco prolifico e ancora meno elegante Gianni Grimaldi, che sguinzaglia il linguacciuto Lando Buzzanca alla ricerca del talismano della comicità. Che comuque ogni tanto fa capolino, anche per merito del bravo protagonista, incatenato al cinema pecoreccio". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 31 ottobre 2001)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy