Prepotenti più di prima

ITALIA - 1959
Gennarino Esposito e Marcella Pinelli tornano dal viaggio di nozze, ma i rispettivi papà, don Mimì e Cesare, rinnovano i contrasti che li avevano messi l'uno di fronte all'altro al tempo del fidanzamento tra i due giovani. Ora don Mimì vuole che gli sposi vadano ad abitare a Napoli, mentre Cesare esige che mettano casa a Roma. Così i due sposi devono separarsi: Marcella resta a Roma e Gennarino torna a Napoli. Ma mentre si cerca di risolvere la questione, superando i puntigli, senza nuocere al prestigio delle due parti, i familiari scoprono che Marcella aspetta un bambino, Il lieto evento sembra mettere un po' di pace tra gli irriducibili genitori, ma poi ricominciano i dispetti e i ripicchi. Esasperati, i due giovani fuggono col bambino a Milano, ma don Mimì e Cesare non si arrendono, e si recano nella città lombarda, decisi a riprendersi i rispettivi figli. A Milano, dopo aver ascoltato un pacato discorso rivolto loro dalla proprietaria della pensione che ospita gli sposi, i due si convincono che le loro pretese sono esagerate e, per la prima volta d'accordo, lasciano che i loro figli si costruiscano la loro vita come vogliono.

CAST

NOTE

OPERATORE FOT.: MARIO CAPRIOLI.
AMBIENTI: LUIGI GERVASI.
SUONO MARIO MESSINA.
AIUTO REGIA: MARIO MAFFEI.
GIRATO NEGLI STABILIMENTI TITANUS APPIA.

CRITICA

"(...) Specie di seguito dei "I prepotenti" (...) appare decisamente fiacco anche se i due portagonisti non mancano di prodigarsi per rendere accetto il modesto spettacolo (...)". (U. Tani, "Intermezzo", 5, 15/3/1959).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy