POSTA CELERE

BUDBRINGEREN

NORVEGIA - 1997
POSTA CELERE
Alla periferia di Oslo il giovane Roy svolge in maniera svogliata il lavoro di postino. Spinto dalla curiosità, apre la corrispondenza che deve recapitare, e poi, con il suo cattivo carattere, insulta i colleghi nei momenti di pausa. Vive isolato e senza amicizie, fino al giorno in cui nota una donna, Line, che dimentica le chiavi del proprio appartamento nella cassetta delle lettere. Roy prende le chiavi, entra nell'appartamento una prima volta e poi vi torna in seguito, e vede Line che cerca di togliersi la vita nella vasca da bagno. La salva e comincia a frequentarla. Solo dopo qualche tempo capisce che la ragazza è coinvolta in una pericolosa situazione di ricatti, che lo spaventa ma nella quale finisce per farsi coinvolgere, essendosi innamorato di lei. Affronta così rischi imprevisti, fino a quando il gioco non si fa troppo grande per lui. Finiscono le illusioni del cambiamento, e ritorna la buia vita di tutti i giorni.
  • Altri titoli:
    JUNK MAIL
  • Durata: 83'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: DAG NORDHAL, PETER BOE.
  • Distribuzione: MIKADO FILM - 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT

NOTE

- REVISIONE MINISTERO SETTEMBRE 1997.

CRITICA

"Nonostante tutto questo pessimismo, però, e le delusioni che ci rinnova sul felice ordine nordico, il film, almeno da un punto di vista narrativo, dei meriti ce li ha: specie quando, in tutta questa esibizione di piccoli orrori quotidiani, tende ad assumere i toni della commedia nera, con graffi e sarcasmi non di rado efficaci, sia a carico di certe situazioni al limite del paradosso, sia a carico dei caratteri dei due personaggi principali, scritti con perizia innegabile. E' la loro rappresentazione, dopo, che lascia invece perplessi perché il regista, che qui esordisce dopo una breve carriera negli spot pubblicitari, non solo ha poco polso nella direzione degli attori, ma fatica a crear loro attorno quei climi riarsi e tesi che invece aspirerebbe ad evocare. Comunque un film da vedere: anche per consolarci dei proverbiali ritardi delle Poste Italiane." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 25 settembre 1997)

"Un po' come i concittadini scandinavi, i fratelli Kaurismaki, il regista stana una Oslo sordida, raccapricciante e penosa che pare appartenere al terzo mondo metropolitano, arredata da appartamenti scalcinati, viuzze buie, sottoscala, birrerie deprimenti e popolata da junkies (Junk mail: posta-spazzatura, il titolo originale) e da varia umanità alla deriva. Nell'esagerare e nell'esasperare, Sletaune elabora una sorta di black comedy amara e ironica, deprimente e caricaturale dove perfino l'anacronistico happy end chapliniano è una sferzante boccata di anarchico pessimismo cosmico." (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 21 settembre 1997)

"'Posta celere' è una interessante opera prima. Ma per estrarre il meglio da una commedia nera molto ben costruita con tutti gli incidenti e le coincidenze al posto giusto, ci sarebbe stato bisogno della linda e bruciante freddezza di Aki Kaurismaki. Il giovane Pal Sletaune, invece, già fotografo e regista di pubblicità, funziona meglio come sceneggiatore che dietro la macchina da presa, forse perché per distaccarsi dal suo mestiere calca oltre misura il pedale dello squallore nordico, disperdendo i fili di un film moderatamente divertente, amarognolo, schifosetto, ben congegnato e tranquillamente anarchico. Il postino fedifrago e la gentile tintora dopo mille casini se ne vanno insieme verso un non radioso futuro, caricature colorate, sconsolate e sciattone di Chaplin e Goddard." (Irene Bignardi, 'la Repubblica', 13 settembre 1997)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy