Pola X

USA - 1999
Pola X
Pierre vive con la madre Marie in un grande castello in Normandia. Sono ricchi, senza preoccupazioni e legati da un rapporto che va al di là del semplice affetto madre-figlio. Pierre ogni mattina va in moto a trovare la fidanzata Lucie: i due si amano molto. Un notte Marie annuncia a Pierre di aver fissato la data delle sue nozze con Lucie. Pierre subito vuole andare a dare la notizia alla fidanzata. Mentre costeggia un bosco oscuro, i fari illuminano una ragazza mal ridotta che parla con accento dell'Est Europeo. Dice di chiamarsi Isabelle e di essere sua sorella, frutto di una relazione occasionale del padre, morto da tempo. Pierre sente di dovere salvare questa sorella, anche per rimediare alle colpe del padre. Ma la strada che sceglie è senza mezzi termini. Abbandona tutto: madre, fidanzata, castello. Insieme vanno a Parigi, ma, dopo aver molto girato, trovano rifugio in periferia, nel grande locale di una setta dove fa molto freddo. Pierre cerca di riprendere i contatti con una casa editrice, ma senza troppo successo. A Parigi, Pierre sperimenta su Isabelle l'esistenza di malignità e discriminazioni. Isabelle dice che è dispiaciuta per l'infelicità che fa passare a Pierre. Marie cerca di rintracciare il figlio ma ha un incidente con la moto e muore. Lucie invece lo trova, e decide di vivere con la coppia. Pierre in città incontra il cugino Thibault, che aveva rifiutato di dargli accoglienza. Lo uccide e viene arrestato. Isabelle si dispera e poi si butta sotto un camion. La foresta incombe buia e minacciosa.
  • Altri titoli:
    Pierre ou les ambiguïtés
    Pierre oder Der Kampf mit der Sphinx
  • Durata: 136'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85)
  • Tratto da: romanzo "Pierre o delle ambiguità" di Herman Melville
  • Produzione: ARENA FILMS, CANAL+, DEGETO FILM, EURO SPACE, FRANCE 2 CINÉMA, LA SEPT-ARTE, PANDORA FILMPRODUKTION, POLA PRODUCTION, THEO FILMS, TELEVISION SUISSE-ROMANDE (TSR)
  • Distribuzione: ISTITUTO LUCE (1999) - CINE VIDEO CORPORATION
  • Vietato 14

NOTE

- REVISIONE MINISTERO MARZO 2000.

- IN CONCORSO AL 52° FESTIVAL DI CANNES (1999).

CRITICA

"Si tratta di un film confuso, ingarbugliato, irrisolto. Sbagliato dall'inizio alla fine, il racconto si risolve in un delirio autodistruttivo, un melodrammone senz'anima, dominato da un egocentrismo inconcludente. Il regista mette insieme una storia totalmente velleitaria, con pretese intellettualoidi vuote e ridicole, con un taglio narrativo pesante, ermetico, incomprensibile. Cercare il senso della verità, denunciare l'impossibilita della voglia di smarrirsi, difendere la liberta d'espressione? Individuare in queste domande il motivo portante del film e operazione retorica e superflua. Al pari del trovare giustificazioni alla presenza del rapporto madre-figlio e dell'incesto fratello/sorella. Significati? Obiettivi? La confusione è totale, la mancanza di idee ancora di più. Un pasticcio senza capo né coda, recitato anche con poca credibilità". ('Segnalazioni Cinematografiche', vol. 127, 1999)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy