Piedone d'Egitto

ITALIA - 1980
Il prof. Cerullo, uno stravagante scienziato, ha denominato "tropelio" un specie di coleottero che lui ha scoperto essere presente ovunque esiste nel sottosuolo del "petrolio" (il nome convenzionale, infatti, è un anagramma). Naturalmente il mondo intero ha sete dell'oro nero e il Cerullo viene rapito. Da Napoli, ove è avvenuta la scomparsa, a causa dei pochi indizi raccolti partono per il Cairo il commissario Rizzo, detto "Piedone" e il suo fedele collaboratore, il maresciallo Caputo; i due, tuttavia, vengono seguiti anche dal piccolo Bodo, un negretto adottato da Piedone nel corso di precedenti missioni africane. Appena giunti nella capitale egiziana, i poliziotti napoletani devono prendere atto della diffidenza di Assan, capo di una tribù che vive nel deserto, e della aggressiva gelosia di altri europei, come Jack Connor, detto "Lo Svedese". Dalla loro parte, invece, si schiera l'industriale Edward Barnes la cui nipote Connie viene rapita. Neutralizzate avventurosamente tutte le aggressioni, fatta amicizia con Assan, al momento della battaglia decisiva Cerullo e Caputo possono contare sull'arrivo del tenente Kebir, fidanzato di Connie e comandante di un reparto di guardie egiziane alle quali vengono affidati i briganti.

CAST

CRITICA

"La formula adottata per questa nuova puntata delle avventure rocambolesche ed in parte esotiche del commissario Rizzo è la solita: briganti da operetta, scontri interminabili e privi di autentica violenza, un contorno turistico fatto di sorridenti piramidi e di mercati arabi, personaggi caricaturali, avventure grottesche. Il ritmo intenso e la bonomia del terzetto Rizzo-Caputo-Bodo riempiono anche le parti meno riuscite dello spettacolo che, in definitiva, riempie onestamente due orette di semplice svago." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 89, 1980)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy